FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ucciso dalla polizia chiamata dal rivale online: 20 anni al mandante

Condannato lʼautore dello scherzo finito in tragedia nel 2017, un grosso segnale per il fenomeno dello "swatting"

Ucciso dalla polizia chiamata dal rivale online: 20 anni al mandante

La corte federale americana ha condannato il 26enne Tyler Barriss a 20 anni di carcere per delle false richieste di emergenza, tra cui quella che causò la morte di Andrew Finch, 28 anni e padre di due figli.

Era successo nel dicembre del 2017 a Wichita, in Kansas, per una disputa online legata al videogioco Call of Duty: WWII di cui la vittima non faceva nemmeno parte: in seguito alle false chiamate alle autorità locali da parte del condannato, il ragazzo fu freddato per errore dagli agenti speciali, che credevanano stesse minacciando una famiglia e avesse ucciso un ostaggio (ve ne avevamo parlato qui).

Si chiama "swatting", ovvero richiedere l'intervento degli Swat per “scherzare” e far prendere uno spavento allo sfidante online, ed è un grave fenomeno che va avanti negli USA sin dal 2008. La sentenza arrivata in questi giorni, però, ha mandato un forte segnale per la debellazione del problema: la tragedia capitata a Finch e la sua famiglia non resterà impunita e potrebbe far sì che non si ripetano altri casi del genere.

usa

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali