FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Regno Unito: sempre più giovani scelgono di far carriera nei videogiochi

Un sondaggio rivela che 13mila bambini considerano i videogame una futura professione rispetto a carriere tradizionalmente riconosciute

 Videogiochi

Lavorare nei social media o nel settore dei videogiochi sta diventando un'aspirazione professionale sempre più comune tra i giovani dei nostri tempi.   Lo conferma un sondaggio condotto nel Regno Unito dall’Associazione Nazionale degli Insegnanti, dallo University College di Londra, l'OCSE Education and Skills in collaborazione con il Supplemento educativo del Times, su un campione di 13mila studenti delle scuole elementari, che ha svelato come molti bambini di età compresa tra i 7 e gli 11 anni pongano la tecnologia sul podio delle aspirazioni professionali future, abbandonando invece carriere più tradizionali come il medico o il poliziotto.

Circa un quinto (21%) vuole sfondare nel mondo dello sport, ancora in testa come miglior scelta professionale per i giovani della nazione, seguita dall'insegnante (11%) e dal veterinario (7%), mentre al quarto posto si piazzano i social media e i videogiochi con il 6%. Il rapporto stilato in base a tale studio afferma come "si sia verificato un cambiamento nelle aspirazioni dei bambini, costruito in gran parte sui nuovi metodi di comunicazione e sulla crescita dei giochi online e su console".

 

"Un numero sempre crescente di bambini e giovani vede come punto di riferimento gli influencer e gli streamer di YouTube, che hanno preso ormai il posto delle star di cinema e TV", rivela il sondaggio. "Sebbene si possa sostenere che questa nuova cultura possa diventare un problema, queste carriere (vlogger, giocatori professionisti e game designer) appaiono come opzioni di carriera sempre più valide".

 

Il report mostra inoltre che tali aspirazioni variano a seconda del sesso, con una netta predominanza del mondo maschile su quello femminile (l’opzione preferita dalle ragazze è stata l'insegnante, seguita da veterinario e ginnasta, mentre per i ragazzi la professione sportiva si è posta accanto ai social media, videogiochi e forze armate).

 

Il dottor Elnaz Kashefpakdel, capo della ricerca, ha dichiarato: "I nostri risultati mostrano chiaramente che i bambini iniziano a valutare diverse opportunità di carriera sin dalla tenera età e le loro scelte sono sempre più veicolate da ciò che vedono attraverso i media. Ciò sottolinea l’urgenza di rapporti sempre più stretti tra datori di lavoro e scuole, per garantire loro un ampio accesso in una vasta gamma di settori e aiutandoli a sviluppare una propria consapevolezza professionale fin dalla tenera età. Tutto ciò sarà fondamentale per garantire che tutti i bambini, indipendentemente dal genere e dal background, possano realizzare appieno il loro potenziale".


Vieni su IGN Italia per altre notizie e video su questo gioco!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali