FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

PlayStation, giornata nera: ufficiale il licenziamento di 900 dipendenti

Sony annuncia una riduzione dell'8% per la sua forza lavoro globale: in programma c'è anche la chiusura di London Studio, uno dei team first-party di PlayStation Studios

PlayStation, giornata nera: ufficiale il licenziamento di 900 dipendenti - foto 1
Ufficio stampa

La crisi che ha colpito il mercato dei videogiochi non accenna a fermarsi: dopo Microsoft e altri protagonisti più o meno rilevanti del settore, anche Sony ha ufficializzato una serie di tagli che colpiranno la divisione PlayStation, con il licenziamento di oltre 900 dipendenti in tutto il mondo.

La conferma è arrivata sul blog dell'azienda, con un messaggio che anticipa la chiusura di uno studio first-party.

Non solo aziende del calibro di Epic Games, Electronic Arts e Microsoft a soffrire la crisi che ha colpito l'industria dei videogame da mesi: anche Sony ha annunciato la necessità di ridimensionare la sua forza lavoro con il licenziamento di ben 900 dipendenti provenienti dai suoi studi PlayStation.

 

 

A dare la notizia ci ha pensato Jim Ryan, amministratore delegato di Sony Interactive Entertainment che, tra poche settimane, saluterà il colosso nipponico: Ryan afferma come sia stato necessario "fare un passo indietro" per far sì che PlayStation possa essere in "una posizione che ci consenta di continuare a creare esperienze incredibili per la community". Il primo team a pagarne le spese sarà London Studio, azienda britannica al lavoro su un nuovo gioco cooperativo con elementi "live-service", che chiuderà i battenti definitivamente.

 

Altri licenziamenti colpiranno tanto gli studi maggiori di PlayStation Studios, come Insomniac Games (Marvel's Spider-Man, Ratchet & Clank), Guerrilla Games (Killzone, Horizon) e Naughty Dog (The Last of Us, Uncharted), quanto studi di supporto (tecnologico, creativo e non solo) e aziende acquisite nell'ultimo periodo, come Firesprite.

 

 

"Ci sono numerose persone di talento che hanno contribuito al nostro successo e siamo incredibilmente grati a tutte loro", si legge nel messaggio firmato da Jim Ryan. "L'industria, tuttavia, sta cambiando immensamente e dobbiamo essere pronti per ciò che arriverà in futuro. Abbiamo grandi aspettative da soddisfare, ma anche l'obiettivo di continuare a far crescere il settore: di conseguenza è necessario fare un passo indietro per assicurarci di essere in una posizione che ci consenta di continuare a creare esperienze incredibili per la community PlayStation".

 

"Agli sviluppatori coinvolti in questi tagli voglio dire grazie: state lasciando questa azienda con il massimo del rispetto e dell'apprezzamento da parte nostra", prosegue Ryan. "Per chi resterà: dovremo salutare amici e colleghi a cui teniamo molto, e sarà certamente doloroso. La vostra resilienza, sensibilità e capacità di adattamento saranno fondamentali nelle settimane e nei mesi a venire". Ryan conclude: "Sono tempi duri, ma non vi preoccupate: non è un segnale di debolezza da parte del nostro brand o dell'industria".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali