FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

PlayStation 5 a quota 59 milioni di unità: grande successo per Helldivers 2

Lo sparatutto di Arrowhead Game Studios supera God of War: Ragnarok e diventa il videogame venduto più rapidamente nella storia di PlayStation

PlayStation 5 a quota 59 milioni di unità: grande successo per Helldivers 2 - foto 1
Ufficio stampa

Continua lo slancio di PlayStation 5: la console di ultima generazione prodotta da Sony ha raggiunto un totale di 59,3 milioni di console vendute in tutto il mondo sin dal lancio, con quasi 21 milioni di console vendute nell'ultimo anno fiscale.

Numeri simili a quelli della precedente PS4, che permettono all'azienda giapponese di superare il numero di Xbox One vendute complessivamente nel suo ciclo vitale.

PlayStation 5 sfiora i 60 milioni di console vendute nel mondo dal suo debutto, avvenuto nel novembre 2020: l'azienda nipponica ha condiviso i risultati finanziari dell'ultimo trimestre fiscale dell'anno 2023/24, confermando il buon andamento della sua ammiraglia e fornendo alcune indicazioni sul futuro.

 

 

Con 59,3 milioni di PS5 piazzate in tutto il mondo, Sony conferma un andamento simile a quello trionfale di PlayStation 4, che nello stesso lasso temporale aveva piazzato poco più di 60,2 milioni di unità, arrivando a totalizzare finora oltre 117 milioni di unità in tutto il mondo. Numeri distanti dal quelli delle tre console più vendute nella storia (il primato è ancora nelle mani di PS2, con oltre 160 milioni di console vendute), ma sufficienti a superare la console di scorsa generazione di Microsoft, Xbox One, che nel suo ciclo vitale ha venduto più di 58 milioni di pezzi.

 

Nonostante l'anno privo di grandi nomi, Sony ha concluso il trimestre fiscale godendosi l'enorme successo di Helldivers 2, lo sparatutto di Arrowhead Game Studios che è riuscito a far registrare il miglior lancio nella storia del marchio PlayStation: il titolo cooperativo ha venduto 12 milioni di unità nelle prime dodici settimane nelle versioni PC e PlayStation 5, superando gli 11 milioni raggiunti da God of War: Ragnarok lo scorso anno (all'epoca, però, il titolo di Santa Monica Studios non ha potuto contare sulla "spinta" della versione PC, che è stata certamente quella di maggior successo per il sequel di Helldivers).

 

 

Numeri positivi per Sony, ma comunque al di sotto delle aspettative: l'azienda nipponica si era prefissata l'obiettivo di distribuire 25 milioni di unità nello scorso anno fiscale, dovendo poi ridimensionare questi obiettivi a un totale di 21 milioni. Il numero di console effettivamente vendute nell'anno fiscale è stato di 20,8 milioni di pezzi, mentre il colosso nipponico si aspetta un ulteriore calo nel periodo che va da aprile 2024 a marzo 2025: Sony si aspetta di vendere 18 milioni di unità di PS5 nell'attuale anno fiscale, anche per l'assenza di grosse esclusive sfornate dai team della scuderia PlayStation Studios.

 

Non è da escludere che qualcuno dei team first-party possa sorprendere la community PlayStation nei prossimi mesi: Sony ha ribadito che lo sparatutto Concord, in fase di sviluppo presso lo studio britannico Firesprite, arriverà entro la fine del 2024, mentre nelle prossime settimane dovrebbe finalmente arrivare finalmente l'annuncio dell'atteso evento State of Play o PlayStation Showcase da parte di Hermen Hulst e Hideaki Nishino, nuovi amministratori delegati alla guida del marchio.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali