FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gli Iron Maiden fanno causa agli autori del videogioco Ion Maiden

La band heavy metal britannica ha accusato la storica azienda 3D Realms per i richiami al gruppo nel loro nuovo sparatutto

Gli Iron Maiden fanno causa agli autori del videogioco Ion Maiden

Gli Iron Maiden, leggendaria band heavy metal britannica, hanno fatto causa a 3D Realms, l'azienda dietro alcuni dei più influenti sparatutto della storia dei videogiochi, come ad esempio Duke Nukem 3D, per la campagna marketing del loro nuovo gioco, Ion Maiden.

Il gruppo, infatti, sostiene che la comunicazione dello sparatutto in salsa retro tenda a "confondere gli acquirenti per fargli credere che il prodotto sia in qualche modo legato o approvato dagli Iron Maiden".

Nel documento ricevuto dalla corte californiana il 28 maggio si fa anche riferimento al presunto plagio del marchio degli Iron Maiden per le fattezze del logo del videogioco, che potete guardare nell'immagine presente in questa notizia.

Bruce Dickinson e compagni hanno chiesto un risarcimento da 2 milioni di dollari, mentre non c'è stato alcun commento da parte di 3D Realms, ancora impegnata nella lavorazione del videogioco accusato: il lancio della sua versione definitiva, infatti, è previsto entro la fine dell'anno su PC, PlayStation 4, Xbox One e Nintendo Switch.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali