FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

“Questo matrimonio non s’ha da fare”, con la pandemia in crisi il settore del wedding

Un crollo dell’80% del fatturato, tra nozze annullate e rinviate. Ma c’è anche chi è riuscito a dire il suo sì, anche grazie all’appoggio degli operatori del settore che sono stati vicini ai loro sposi

C’è chi il suo “Sì” l’ha pronunciato lo stesso, nonostante la pandemia, chi ha deciso di rimandare le nozze al prossimo anno, chi a data da destinarsi. Il Covid-19 ha colpito duramente il settore del wedding, causando perdite tra l’80 e il 90%, secondo quanto emerge dai dati elaborati da Banqueting e catering.

Migliaia gli operatori che si sono trovati senza lavoro, wedding planner, ristoratori, fiorai, fotografi, artigiani, musicisti, sarte e negozi di abbigliamento sposi. “Dietro a ogni matrimonio c’è un mondo, è un mondo fermo. Aspettiamo direttive, qualcuno deve dirci cosa fare, siamo trasparenti, invisibili”, così Patrizia Cavalleri, stilista e proprietaria dell’omonimo atelier da sposa, racconta a Tgcom24 le difficoltà di questo anno.

Mesi in cui il settore del wedding ha subito un duro colpo, tra chiusure continue e incertezze. Per questo chi opera in questo mondo si è trovato a essere un punto di riferimento per i futuri sposi, non solo nell’organizzare il loro giorno più importante, ma anche per aiutarli a fare le scelte più giuste, in relazione alle normative vigenti per il contenimento della pandemia.

 

 

Sul web - “Nel periodo del lockdown ho pensato all’unico strumento che mi avrebbe potuto tenere il contatto con loro: i social. Ho creato un gruppo dedicato e ho iniziato a interagire con le mie spose”, racconta Patrizia. “Fin dall’inizio ho capito subito la potenzialità del web. Faccio storie, video, racconto la mia attività, su Facebook faccio vedere i miei prodotti, mentre su Instragram interagisco direttamente con le spose, per cui le porto dietro le quinte. Spesso quando arrivano in atelier mi dicono ‘mi sembra di conoscerti’, ci metto la faccia tutti i giorni”.

 

Gli aiuti - Se con i Decreti Ristori il settore del wedding non era stato incluso tra quelli che avrebbero ricevuto gli aiuti economici necessari per superare la pandemia, con l'ultimo Decreto Sostegni il governo ha stanziato fondi anche per le imprese dei matrimoni e degli eventi privati. Si tratta di 200milioni di euro che però non arriveranno soltanto al comparto relativo alle nozze, ma dovranno essere ripartiti tra varie categorie economiche colpite dalla crisi causata dal Covid-19.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali