FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La birra batte il caffè: bevanda preferita dagli italiani durante il lockdown e per la ripartenza

La maggior parte degli italiani preferisce il drink a base di luppolo come motivazione per uscire in compagnia. Mentre un italiano su tre ha approfittato del lockdown per testare nuovi gusti

Sono poco più del 70% le persone che durante il lockdown hanno scelto la birra come bevanda da compagnia con cui affrontare la quarantena, insieme all'acqua e davanti a caffè, te' e vino rosso. La bevanda in questi mesi è diventata così simbolo di socializzazione, che fosse questa dal vivo o sulle piattaforme online. Ma se durante il lockdown la sfida con il caffè è stata solo di poche percentuali, ora che è possibile brindare fisicamente, viene scelta da circa metà della popolazione, contro il 14% fedele alla caffeina.

Birra come bevanda di socializzazione - Per quanto il caffè in Italia sia un'istituzione, solo un quarto degli italiani lo preferisce come scusa per tornare a socializzare con amici e colleghi. Il vino, che sia rosso o bianco, resta di poco interesse, rispettivamente scelto dal 10% e dal 5% della popolazione, mentre lo spumante è fermo all'8%. A vincere su tutti è stata la birra, soggetta anche a sperimentazioni durante il periodo di quarantena. Negli scorsi mesi infatti, un italiano su tre ha deciso di improvvisare e testare nuovi gusti. Le nuove abitudini degli italiani sono state studiate dall'Istituto Pepoli per l'Osservatorio Birra, che ha analizzato i gusti della popolazione durante e post lockdown.

 

Lo studio - La ricerca, denominata "La birra specchio della socialità" è stata realizzata dall'Istituto Piepoli su un campione di 1.000 italiani maggiorenni compresi tra i 18 e i 64 italiani. Secondo l'indagine, per 8 italiani su 10 (il 78%) la socialità resta un fattore importante da curare dopo il lockdown, anche se 7 su 10 sono coscienti che nulla sarà più come prima. Infatti, se prima la maggior parte degli italiani sceglieva il bar come luogo ideale per ritrovarsi, ora il 65% preferisce restare tra le mura di casa. L'abitudine di uscire persiste solo tra i giovani compresi tra i 24 e 31 anni. Quando si preferisce bere birra? La bevanda è scelta per il 74% durante la cena, e per il 19% nel dopocena. In crescita il pranzo e l'aperitivo, anche se le percentuali restano sotto il 15%.

 

Le immagini dell'Oktoberfest, in migliaia amanti della birra

 

La birra nel tempo - Il trend però non è nuovo. La birra è simbolo di socialità e condivisione da almeno il 2.600 avanti Cristo. "La birra ha qualcosa di sacro", ha spiegato Marino Niola, Antropologo della contemporaneità e condirettore di MedEatResearch (Università degli studi Suor Orsola Benincasa di Napoli), che ha aggiunto: "Non a caso gli antichi dei della birra erano anche dei dell'ospitalità." Secondo Niola poi, la birra sarebbe anche uno dei fattori ad aver spinto l'uomo alla sedimentarietà e all'agricoltura, vista la cura e l'attenzione che serve durante la crescita dei cereali. Arrivando poi fino ad oggi dove è diventata un vero e proprio simbolo di condivisione, svago e festa.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali