FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

In Cina torna il "face-kini": tutti al mare con il volto coperto

Dal 2004, il costume facciale è un must-have per le donne orientali La novità di questʼanno sono le tinte pastello

In Cina torna il "face-kini": tutti al mare con il volto coperto

In Cina, avere la pelle color latte è il massimo ideale di bellezza anche nei mesi estivi. Grazie al face-kini si può raggiungere questo risultato senza dover rinunciare al mare. Torna anche quest'estate la moda che dal 2004 spopola in estremo oriente: il costume facciale per proteggersi, oltre che dal sole, dalle punture di meduse. Quest'anno però c'è una novità: i colori scuri sono stati sostituiti da tinte pastello, fantasie e decorazioni. L'idea parte sempre da Zhang Shifan, la cinquantanovenne cinese che ha lanciato la prima collezione. "In passato ci sono stati problemi" ha dichiarato la stilista che, indossando maschere di protezione nere o bianche, spaventava i bambini. Così ha deciso di abbellirle con stampe e motivi di tendenza. Per gli abitanti di Qingdao, lo storico negozio di Zhang è un'istituzione. Molti clienti dichiarano di fare chilometri pur di assicurarsi il must-have orientale.

In Cina torna il "face-kini": tutti al mare con il volto coperto

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali