FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dal Friuli a Lampedusa in bici in due mesi: così Mila Brollo ha sfidato il diabete

Aiutata da una bici a pedalata assistita e monitorata da due università, la 58enne di Gemona ha raccontato la sua impresa in un blog

Dal Friuli a Lampedusa in bici in due mesi: così Mila Brollo ha sfidato il diabete

A 58 anni Mila Brollo ha realizzato quella che sembrava un'impresa impossibile: attraversare l'Italia in bici vincendo così la sfida contro il diabete. In circa due mesi ha solcato la Penisola da Nord a Sud: partita da Gemona in Friuli  il primo aprile, in poco più di due mesi si è spinta fino a Lampedusa percorrendo oltre 2mila km. Tecnico della Riabilitazione Psicosociale e Psichiatrica, non aveva finora mai pedalato.

Unica facilitazione che si è concessa: una bici a pedalata assistita. Durante il viaggio ha fatto tappa in diverse città e località della penisola dove hanno organizzato eventi per accoglierla e parlare insieme a lei non solo di bicicletta, ma anche e soprattutto dei nuovi approcci metodoci alla cura delle malattie mentali. L'associazione che ha supportato Mila "Fareassieme.fvg" è composta infatti da utenti, famigliari e operatori della salute mentale fa parte del movimento Nazionale di Parole Ritrovate. 

Accanto alla Fiab (Federazione Italiana Amici Bicicletta), che ha patrocininato l’evento, Mila ha avuto anche il sostegno delle università di Trieste e Pisa che l'hanno seguita sia per quanto riguarda la salute monitorando a distanza la sua glicemia sia per la cartografia.


Sul suo blog "biciterapia.it" Mila aveva scritto poco prima della partenza: "Compio questo viaggio per me, per chi, come me, ha il diabete sa che pedalare aiuta (nel viaggio mi verrà monitorata costantemente la glicemia dall’Università di Pisa che svolgerà una ricerca su di me), per le mie reti, per aver occasione di parlare di argomenti poco esplorati come la salute mentale, il viaggio lento, la bicicletta come mezzo di movimento rivoluzionario, il pensiero positivo, le migrazioni, la decrescita dei bisogni materiali personali. Scriverò regolarmente per tutti quelli che vorranno seguirmi su questo blog e sui Social Network, dove racconterò tutto ciò che mi accadrà.Vorrei che, attraverso chi mi seguirà, divenisse un vero viaggio partecipato".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali