FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

“Vergogna”: attivisti criticano segretaria alla sicurezza Usa, lei lascia il ristorante

Un video amatoriale mostra l’uscita dal locale di Kirstjen Nielsen scortata verso la sua auto

La segretaria alla sicurezza interna statunitense Kirstjen Nielsen è stata costretta a lasciare il ristorante dove stava pranzando a causa delle violente proteste che si sono scatenate nel locale. Decine di persone l’hanno attaccata intonando cori al grido di “vergogna”. Uno dei contestatori più infuriati rivolgendosi alla segretaria ha usato parole molto dure: “Sei responsabile della separazione e della deportazione di oltre 10.000 bambini che sono stati separati dai genitori, con quale coraggio trascorri la serata al ristorante? Se i bambini non mangiano in pace, non puoi mangiare in pace nemmeno tu”.

Le polemiche si sono accese in seguito alla nuova politica sull’immigrazione clandestina, la cosiddetta “tolleranza zero” portata avanti dall’amministrazione Trump. La linea dura ha indignato l’opinione pubblica, in particolare l’episodio dei migranti al confine tra Messico e Usa, in cui i bambini sono stati fermati, separati dalle famiglie e tenuti in gabbie metalliche. Nel frattempo le proteste infiammano in Usa e anche l’Onu si è espressa chiedendo di fermare immediatamente la separazione dei figli dai genitori.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali