FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Smog, a Milano e Torino record di morti premature per inquinamento dellʼaria

LʼItalia, nello studio di Icct (lʼorganizzazione che diede il via allo scandalo Dieselgate), è al nono posto tra gli Stati con il maggior numero di decessi prematuri in termini assoluti

Milano e Torino sono le prime due aree urbane al mondo per numero di morti premature ogni 100mila abitanti attribuibili all'inquinamento atmosferico causato dai trasporti. Il dato, relativo al 2015, è contenuto in uno studio appena pubblicato dall'International Council on Clean Transportation. Entrambe le città figurano anche nell'elenco delle cento aree urbane al mondo con il maggior numero di decessi per inquinamento atmosferico imputabili ai trasporti nel 2015 in termini assoluti: Milano al ventiduesimo posto e Torino al settantacinquesimo.

Secondo lo studio di Icct, l'organizzazione che con il suo lavoro ha fatto scoprire lo scandalo Dieselgate, una stima di 385mila morti premature nel 2015 è attribuibile alle emissioni dei gas di scarico dei veicoli e, in particolare alla porzione degli inquinanti da traffico rappresentata da polveri sottili (PM 2.5) ed ozono. L'Italia figura al nono posto tra gli Stati con il maggior numero di decessi prematuri in termini assoluti.

Tra i vari mezzi di trasporto, i veicoli diesel su strada sono i maggiori responsabili dell'inquinamento e gli impatti sanitari, soprattutto in Europa. In Italia, in particolare, 66% delle morti premature da inquinamento da traffico sono riconducili ai gas di scarico dei veicoli diesel su strada. Lo studio stima, inoltre che, insieme, le concentrazioni di PM 2.5 e di ozono derivanti dalle emissioni dei trasporti hanno causato la perdita di 7,8 milioni di anni di vita e circa 1 trilione di dollari di danni alla salute a livello globale nel 2015.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali