FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento
Speciale Elezioni

Elezioni, cosa sono e come vengono assegnati i collegi uninominali

Rappresentano un terzo del totale e vengono regolati dal principio maggioritario: vince l'unico candidato che ottiene un solo voto in più 

seggio elettorale amministrative matita voto
Ansa

Il 25 settembre gli italiani voteranno per la prima volta dopo l'approvazione del referendum sul taglio dei parlamentari.

Questo, oltre a implicare la riduzione

da 945 a 600 del numero dei parlamentari

eletti, ha reso necessario una

ridefinizione dei collegi elettorali

, ovvero le porzioni di territorio in cui viene suddivisa l'Italia per eleggere i rappresentanti in Parlamento. Anche i collegi però devono tener conto della natura ibrida tra maggioritario e

proporzionale

, propria della legge elettorale vigente,

il Rosatellum

. Per questo motivo ne esistono di due tipi: i

collegi uninominali

e quelli

plurinominali

. Vediamo come funzionano i primi.


Cosa sono i "collegi uninominali" -

Si chiamano "uninominali" i collegi in cui si

elegge un solo rappresentante

, in quanto a ogni collegio corrisponde un solo seggio (al contrario dei "plurinominali" in cui se ne elegge più di uno). I primi vengono assegnati con

metodo maggioritario

: vince l'unico seggio in palio il candidato della coalizione - o dell'unico partito di cui è capolista - che prende un voto più degli altri. I secondi invece, in base al principio proporzionale, vengono distribuiti tra i partiti attraverso un complesso meccanismo. 



Perché esistono due tipi collegi -

Prima di capire come vengono assegnati, è importante specificare che il sistema dei collegi elettorali è stato introdotto per garantire la

rappresentanza politica

, in quanto i confini dei collegi sono stabiliti in base al

numero degli elettori residenti

e altri criteri in modo tale che le aree ottenute abbiano pari peso in termini di elettori presenti. La distinzione tra uninominali e plurinominali è però funzionale all'attuazione del Rosatellum. Circa

un terzo dei seggi

viene assegnato in collegi uninominali, e altri due in quelli proporzionali. Per fare il conto numerico di quanti sono, sia per la Camera che per il Senato, è necessario fare ancora un passo indietro.



Quanti collegi uninominali -

Prima che in collegi, il Paese viene diviso in

circoscrizioni

. Con questo termine si indicano le suddivisioni territoriali più grandi che comprendono al loro interno un certo numero di collegi. Anche quest'anno, come nel 2018, sono state individuate

28 circoscrizioni per la Camera e 20 per il Senato

. I collegi vengono redistribuiti tra queste in base alla popolazione. Ora, esclusi i 12 collegi della circoscrizione estero - 8 alla Camera e 4 al Senato -, ne restano 588. In base alla composizione attuale del Parlamento, 392 vanno alla Camera e 196 al Senato. Nello specifico però gli uninominali rappresentano circa un terzo del totale: conti alla mano ciò significa che 

147 spettano alla Camera e 74 al Senato

.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali