FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Whirlpool, Poletti: "Azienda rimetta il suo piano esuberi in tasca"

"Il peso sociale è inaccettabile", ha detto il ministro del Lavoro a Fabriano. "Se lʼazienda lo mette da parte siamo pronti a trattare anche da subito"

Whirlpool, Poletti: "Azienda rimetta il suo piano esuberi in tasca"

"La posizione deve essere questa: tu, Whirlpool, devi rimetterti in tasca quel piano, dichiarare la disponibilità a trattare e io vengo anche questa notte stessa". Lo ha detto il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, incontrando una delegazione di Fiom, Fim e Uilm a Fabriano, a margine di un'iniziativa elettorale. "Il punto di partenza - ha ribadito - è l'accordo siglato a suo tempo con la Indesit".

"Chi ha comprato Indesit - ha aggiunto il ministro - sapeva che c'era quell'accordo. Whirlpool può dire ho un'idea di piano, ve la presento, ho questo o quel problema, ma non può 'sbaraccare' stabilimenti e lavoratori".

Secondo il ministro del Lavoro la multinazionale americana deve dichiarare "la propria disponibilità a modificare il piano industriale. Ci deve essere una posizione forte del governo nei confronti dell'impresa".

I sindacalisti Andrea Cocco, della Fim-Cisl, e Vincenzo Gentilucci, della Uilm, hanno insistito con il ministro affinché il tavolo di trattativa non sia sindacale ma istituzionale: "Il Governo non può imporre - ha detto Poletti, ricordando che il ministero competente è quello per lo Sviluppo economico - ma può usare tutti gli strumenti a disposizione per convincere i soggetti interessati. Anche il ministro Guidi ha detto: "Siamo pronti a riattivare il tavolo anche domani purché Whirlpool riveda il suo piano".

"Il peso sociale del piano di esuberi è inaccettabile" - "Il peso sociale del piano di esuberi presentato da Whirpool è inaccettabile". Lo ha sottolineato il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, a Fabriano per un'iniziativa elettorale. "Ci impegneremo allo spasimo, al massimo, per ottenere che Whirpool cambi il proprio piano industriale", ha aggiunto Poletti. Negli ultimi giorni gli esuberi dell'azienda sono saliti a 2.060, numeri intollerabili per i sindacati.

Cocco (Fim-Cisl): "Bene Poletti, ma vogliamo fatti concreti" - "Abbiamo rappresentato al ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, tre vicende importantissime per il futuro del territorio: il caso Whirlpool, la vertenza J.P. e la mancata attuazione dell'accordo di programma per la reindustrializzazione di Marche ed Umbria. Il ministro 'sta sul pezzo' ma vogliamo vedere fatti concreti". Questa la replica di Andrea Cocco della Fim-Cisl dopo l'incontro che una delegazione sindacale ha avuto a Fabriano con il ministro del Lavoro. Presenti anche il sindaco Giancarlo Sagramola, e il candidato governatore del centrosinistra, Luca Ceriscioli.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali