FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Verso la ripresa: lʼandamento dellʼexport italiano

Le esportazioni hanno trainato la nostra economia negli anni della crisi e continuano a registrare risultati importanti. Eppure non mancano le ombre...

Verso la ripresa: l'andamento dell'export italiano

Negli anni della crisi l'export – soprattutto – ha tenuto a galla la nostra economia. Molte imprese, nonostante le difficoltà, hanno mostrato una dinamicità tale da migliorare la propria posizione, a conferma di un Made In Italy che rimane sinonimo di qualità in tutto il mondo.

Ora che il momento è più favorevole, che gli indicatori registrano risultati che confermano la ripresa, le cose sembrano andare anche meglio. A destare qualche preoccupazione per l'export italiano sono le questioni ancora irrisolte, geopolitiche o finanziarie, e il rallentamento dei paesi emergenti, ma in definitiva l'Italia mantiene un invidiabile primato in diversi comparti.

Un esempio lampante è il settore alimentare che l'anno scorso, nel suo complesso, ha collocato il nostro paese al primo posto. Il recente esito più che positivo dell'Expo è stato inoltre d'aiuto già nei primi mesi del 2015, ma in generale l'export alimentare ha sempre registrato prestazioni invidiabili.

Ad ogni modo è interessante constatare come, secondo un'indagine dell'Aefi (Associazioni Esposizioni e Fiere Italiane), gli affari conclusi alle fiere in un anno "pesano" 60 miliardi di euro, mentre il 50% delle esportazioni trova origine proprio dalla partecipazione alle esposizioni.

Per quanto riguarda gli sbocchi, l'area del Mediterrano è sempre strategica per l'Italia. In generale, stando al rapporto annuale Le relazioni economiche tra l'Italia e il Mediterraneo pubblicato da Srm (Studi e Ricerche per il Mezzogiorno) del gruppo Intesa San Paolo, l'export verso i paesi del Mediterraneo e quelli del Golfo Persico vale 45,8 miliardi, ovvero l'11,1% del totale (Turchia, Tunisia ed Egitto sono tra i mercati più ambiti).

Non vanno sottovalutati, poi, sbocchi come gli Emirati Arabi (+14,2% nel primo semestre 2015 e nel settore agroalimentare +30%, secondo i dati diffusi in occasione del recente Turin Islamic Economic Forum) o la Corea del Sud (+5,8% nei primi sette mesi del 2015, secondo Confartigianato). Eppure, ciononostante, l'Italia continua a presentare dei ritardi infrastrutturali che hanno un impatto negativo sull'export/import.

Non tutto va bene, insomma. Ad esempio l'Italia avrebbe potuto avere 42 miliardi in più in termini di Pil (+2,8%) se il sistema della logistica e del trasporto merci avesse presentato livelli più efficienti. È la conclusione a cui è giunto il Centro studi di Confcommercio in una ricerca presentata lo scorso mese al Forum internazionale Conftrasporto. Tanto peserebbe, in negativo, il ritardo dell'Italia a causa delle infrastrutture di trasporto (ferrovie, strade, portuale e anche aeroportuale). A questo, poi, si aggiunga l'impatto della burocrazia per cui i giorni medi necessari per le operazioni di export/import superano, e non di poco, quelli di Spagna, Belgio o Germania: l'Italia potrebbe registrare risultati persino migliori.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali