FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Sciopero aerei 1° ottobre: stop ai voli di EasyJet, Ryanair, Vueling e Volotea

Dalle retribuzioni insufficienti fino alla richiesta di una normativa che tuteli il diritto genitoriale: piloti e assistenti di volo chiedono un serio confronto alle compagnie aeree 

aereo vueling
-afp

Autunno caldo di proteste con nuovi stop ai voli di alcune delle principali compagnie aeree.

Sabato 1° ottobre Filt-Cgil e Uiltrasporti hanno annunciato che "gli scioperi saranno rispettivamente di 24 ore per Ryanair e di quattro ore, dalle 13 alle 17, per Vueling". Anche i piloti e gli assistenti di volo di EasyJet e Volotea si uniranno alle rimostranze. Uiltrasporti ha sottolineato che "la protesta continuerà finché non verrà dato ascolto alle importanti istanze dei lavoratori".

Roma, metro chiude per lo sciopero: decine di passeggeri rimangono intrappolati in stazione

Decine di passeggeri sono rimasti chiusi venerdì mattina all'interno della stazione della metro A Cornelia a Roma quando stava cominciando lo sciopero del trasporto pubblico. Gli utenti, uscendo dall'ultima metro prima dell'inizio dell'agitazione, si sono trovati i cancelli della stazione chiusi. L'episodio è stato segnalato su Twitter da un utente, al quale Atac ha risposto tramite il suo profilo ufficiale, dicendo: "Salve, abbiamo avvisato la security". E successivamente: "Sul posto è intervenuto il personale di security per l'apertura dei cancelli. Ci scusiamo". Dopo qualche ora, l'azienda dei trasporti di Roma ha aggiunto: "Abbiamo svolto tutti gli accertamenti per ricostruire le dinamiche dell'accaduto e adotteremo tutti i provvedimenti necessari verso i responsabili del fatto. Ci scusiamo ancora".

Leggi Tutto Leggi Meno

 

I motivi dello sciopero - Il periodo di "tregua" dopo gli scioperi di giugno e luglio è terminato, le due organizzazioni sindacali hanno spiegato che i lavoratori italiani continuano a rivendicare contratti che garantiscano condizioni di lavoro e stipendi dignitosi. Sul tavolo dei reclami anche la questione della normativa a tutela di maternità e paternità. 

"Questa situazione nel nostro Paese - conclude la Uiltrasporti - non è sostenibile. Chiediamo l'apertura di un confronto serio e responsabile, con queste compagnie, nel rispetto dei lavoratori che rappresentiamo".

 

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali