FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nuovi segnali incoraggianti dal Pil, in crescita anche i prezzi al consumo

LʼIstat ha rivisto al rialzo la crescita tendenziale del Pil del primo trimestre 2015 innalzandola allo 0,1%

Nuovi segnali incoraggianti dal Pil, in crescita anche i prezzi al consumo

Anche se lieve, la ripresa sembra essere arrivata: nel primo trimestre il prodotto interno lordo italiano ha segnato una variazione positiva sia confrontando il dato con il periodo ottobre-dicembre, che paragonandolo con i primi tre mesi del 2014. A maggio, stando alle stime preliminari dell'Istat, tornano a salire anche i prezzi al consumo.

Dopo quattro mesi di cali, a maggio è tornata a crescere anche l'inflazione. I dati provvisori dell'Istat indicano, infatti, un aumento dello 0,2% per l'indice dei prezzi. Un incremento legato principalmente all'accelerazione della crescita tendenziale dei prezzi dei servizi e ad un rallentamento di quelli dei beni energetici.

Ma perché è buono se i prezzi salgono? Perché la fase deflattiva (ovvero quando l'indice dei prezzi al consumo si posiziona in territorio negativo) è una conseguenza del calo del potere d'acquisto, che porta i consumatori a non acquistare immediatamente determinati prodotti sperando in un ulteriore calo dei prezzi. Al contrario, quindi con un'inflazione alta, i consumatori non posticipano l'acquisto di un prodotto per timore che i prezzi possano aumentare ulteriormente.

Passando al Pil, secondo quanto rilevato dall'Istituto nazionale di statistica, quello del nostro Paese è avanzato di 0,3 punti percentuali in termini congiunturali (rispetto al periodo precedente) e di 0,1 punti rispetto allo stesso periodo di un anno prima, mettendo a segno la prima crescita tendenziale degli ultimi 13 mesi

Guardando le tabelle diffuse dall'Istat si può notare come, nei primi tre mesi dell'anno, si sia registrata una crescita congiunturale dell'1,4% e dello 0,1% tendenziale delle importazioni di beni e servizi. Nello stesso periodo i consumi finali nazionali sono scesi dello 0,1% rispetto al periodo ottobre-dicembre (risultato di un calo dello 0,1% della spesa delle famiglie e di una crescita dello 0,1% di quella della Pubblica amministrazione) e saliti dello 0,2% rispetto ad un anno fa (+0,3% per la spesa delle famiglie e variazione nulla per quella della Pa).

Salgono congiunturalmente (+1,5%) e tendenzialmente (+0,4%) anche gli investimenti fissi lordi. Nel dettaglio l'Istat ha rilevato un calo per quelli in Macchinari, attrezzature e prodotti vari (dello 0,9% rispetto a ottobre-dicembre e dell'1,2% rispetto agli stessi tre mesi dello scorso anno).

Gli investimenti fissi lordi nei mezzi di trasporto crescono esponenzialmente, mettendo a segno un +28,7% in termini congiunturali e un +40,8% in termini tendenziali. Si registra poi un +0,5% per le costruzioni sul trimestre precedente e un -2,2% sullo stesso periodo dello scorso anno. Nello stesso periodo le esportazioni di beni e servizi hanno riportato una variazione nulla rispetto all'ultimo trimestre del 2014 e un aumento del 3,5% rispetto a dodici mesi fa.

Guardando ai singoli settori si rileva un aumento sia del valore aggiunto dell'agricoltura, pari al 6% (+0,2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno), che di quello dell'industria e delle costruzioni, +0,6% e +0,5% (-0,4% e -1,6% rispetto allo scorso anno). Scende quello dei servizi, -0,1% (+0,1% rispetto al 2014).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali