FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nomine, verso la presidenza Inps il padre del reddito di cittadinanza Tridico

In pole position per la carica ci sarebbe il consigliere di Luigi Di Maio. Alla Lega andrebbe invece la vicepresidenza

Nomine, verso la presidenza Inps il padre del reddito di cittadinanza Tridico

Il consigliere di Luigi Di Maio, e padre del reddito di cittadinanza, Pasquale Tridico sarebbe il nome su cui Lega e M5s stanno per convergere per la presidenza dell'Inps. Al Carroccio andrebbe la vicepresidenza con specifiche deleghe operative. Ancora però nulla trapela sul nome che farebbe capo al partito di Salvini.

Si allontana infatti l'ipotesi che la carica possa toccare a Mauro Nori, consigliere del ministro Giovanni Tria ed ex direttore generale Inps. I pentastellati non hanno voluto cedere sul nodo Inps dopo che Consob, Istat, Rai, Anas erano finite agli alleati. E l'uomo che fu anche il ministro del governo ombra di Di Maio un anno fa starebbe per salire su una poltrona super strategica.

La nomina, se confermata, arriva tra l'altro proprio in concomitanza con l'avvio della misura del reddito di cittadinanza, con le domande che partono il 6 marzo. E con l'Istituto di previdenza che si troverà a gestire una partita complessa, sulla quale il partito di Luigi Di Maio si gioca una bella fetta di credibilità e consenso tra i cittadini.

Il leader della Lega, Matteo Salvini, glissa però sul nome: alla richiesta di confermare le indiscrezioni su Tridico, si limita a dire: "Non lo so, non sto seguendo questa vicenda".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali