FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

I primi ministri di Luigi Di Maio: Tridico, Pesce, Conte, Fioramonti e Fioravanti | Gentiloni: "Governo ombra, surreale"

Dopo Sergio Costa allʼAmbiente, ecco gli altri nomi: sono professori, economisti, ex dirigenti ed ex nuotatori. Il candidato premier M5s: "Persone esperte con testa e cuore. Il governo sarà di 18 componenti"

Il candidato premier del M5s, Luigi Di Maio, ha scelto la squadra di governo: "Sarà di 18 componenti". Pasquale Tridico, economista, dell'università di Roma tre, al Lavoro; Alessandra Pesce, ex dirigente del ministero, all'Agricoltura; Giuseppe Conte, professore di diritto privato, alla "P.a., deburocratizzazione e meritocrazia"; Lorenzo Fioramonti, docente di Politica economica a Pretoria, allo Sviluppo economico e l'olimpionico Domenico Fioravanti allo Sport.

Lorenzo Fioramonti allo Sviluppo economico - Dei quattro è Fioramonti, la conoscenza più "vecchia" per il Movimento. Candidato all'uninominale a Roma, in tandem con Di Maio già da qualche settimana (insieme hanno incontrato gli investitori della City nell'ultima visita del leader 5 Stelle a Londra), Fioramonti, definito come "l'economista" del M5s, è laureato in Storia del pensiero politico e economico ed ha un dottorato in Scienze Politiche. Ha insegnato Economia Politica all'università di Pretoria ed è un po' il simbolo di quei "cervelli in fuga" che il Movimento promette, se al governo, di far tornare in Italia. Teorico del "No Pil" Fioramonti ha collaborato, tra l'altro con la Rockfeller Foundation ed è balzato agli onori della cronaca con il libro "Presi per il Pil".

Pasquale Tridico al Lavoro - Al Lavoro ecco invece il professor Tridico, 43 anni, docente di Politica economica a Roma Tre con diverse esperienze all'estero (da Vienna a Dublino), piuttosto critico nei confronti del Jobs Act in alcune sue analisi degli anni scorsi. Tridico, figura tra l'altro tra i partecipanti dei convegni "di settore" messi in campo nei mesi scorsi dal M5S. Il suo lavoro piu' recente, per il Cambridge Journal of Economics si concentra sui "fattori che determinano la diseguaglianza del reddito nei Paesi Ocse".

Alessandra Pesce all'Agricoltura - All'Agricoltura il M5s propone invece un nome "interno" alla struttura attualmente diretta da Maurizio Martina: Alessandra Pesce, dirigente del ministero e membro della segreteria tecnica del Viceministro Andrea Olivero. E' membro del Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l'Analisi dell'Economia Agraria (Crea)e ha curato alcune edizioni del Rapporto di Stato sull'Agricoltura

Giuseppe Conte alla Pubblica amministrazione - Al ministero per la Pubblica amministrazione (alla quale il M5S aggiunge le funzioni "deburocratizzazione e meritocrazia") arriva invece l'avvocato civilista Giuseppe Conte, ordinario di diritto privato all'Università di Firenze. E' membro del Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa, una sorta di "Csm" del Tar e del Consiglio di Stato, e ha presieduto la commissione speciale del Consiglio di Stato che ha "destituito" Francesco Bellomo, il consigliere finito nella bufera per i corsi per aspiranti magistrati conditi da avances, minigonne e "contratto".

Domenico Fioravanti allo Sport - Al ministero dello Sport ci sarà Domenico Fioravanti, ex nuotatore vincitore di due ori olimpici a Sidney 2000. Ad annunciarlo è stato Alessandro Di Battista nel corso dell'evento "Sport e legalità" in cui ha presentato il programma dello sport del Movimento 5 Stelle. Sono emozionato "per il grande affetto", le prime parole di Fioravanti dopo l'annuncio di Di Battista. "E' un grande privilegio, qualora ci fosse il governo 5 Stelle - ha detto l'olimpionico -. Ricoprire questa carica, e nel tempo stesso è una grande responsabilità. Sono un uomo dello sport al servizio dello sport".

Zeman al fianco del M5s: "Schierato perché ci credo" - Anche un altro nome illustre dello sport come l'allenatore del Pescara, Zdenek Zeman, ha dato il suo appoggio al Movimento 5 Stelle: "Mi sono schierato perché ci credo. Sono qui per sbaglio, dovrei essere lì con voi - ha scherzato il boemo a Pescara rivolgendosi alla sala gremita che lo applaudiva a scena aperta -. Mi hanno tanto criticato ma pensavo che il voto non era segreto".

Lista dei ministri M5s inviata al Colle - Seppur mitigata dal fatto che Di Maio non abbia presentato personalmente la lista dei ministri al Colle ma si sia limitato ad inviarla via mail, la mossa del Movimento è irrituale. "Rispetto le prerogative del Capo dello Stato, il mio è un gesto di cortesia", ha precisato il capo del Movimento. Dal Quirinale non è arrivata alcuna risposta, a testimonianza del fatto che la mossa di Di Maio non può produrre e non produce alcun effetto sul Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Di Maio: "Esperti con testa e cuore" - "Noi veniamo da un'epoca di tecnici che portavano avanti dottrine ma non si erano mai sporcati le mani: io ho chiesto a queste persone di metterci testa e cuore nelle cose che fanno", ha commentato Di Maio, aggiungendo: "Se metti mano alle pensioni non basta far quadrare i conti ma devi vedere che effetto avranno le tue decisioni sulle persone. Lo spirito con cui li abbiamo presentati è quello di mettere le persone giuste al posto giusto, con le loro competenze e la loro storia personale. Se i cittadini ci daranno il consenso avranno una squadra di persone che conoscono il settore che dirigono e la sofferenza delle persone".

"Gentiloni pensa a inciuci, da M5s chiarezza" - "Gentiloni pensa agli inciuci post voto e ai futuri scambi di poltrone, noi pensiamo ai cittadini. Lui vuole fare tutto sotto banco, noi agiamo in trasparenza. Il nostro non è un governo ombra, è alla luce del sole", ha chiarito Di Maio replicando al premier Paolo Gentiloni. "I cittadini hanno diritto di sapere quali persone andranno a occupare i posti di rilievo del governo. Basta promesse non mantenute e mance elettorali. Facciamo sul serio. Gentiloni e tutti gli altri se ne facciano una ragione", ha sottolineato.

"Lasciare in caso di sconfitta? Non vedo questo scenario" - "Lasciare in caso di sconfitta? Renzi già sa di perdere", ha risposto Di Maio a "Di Martedì". "Io - ha proseguito - questo scenario non lo sto prevedendo per ora e non mi interessa. Allo scenario della sconfitta del Movimento non ci sto pensando: probabilmente domenica saremo la prima forza politica del Pese e dovranno tutti venire a parlare con noi per formare il governo, perché i numeri non li hanno".

Gentiloni: "Governo ombra, surreale" - "Un governo ombra prima del voto è surreale". Così il premier Gentiloni ha commentato la presentazione da parte di Di Maio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali