FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

È morto Leonardo Del Vecchio, il fondatore di Luxottica

Aveva 87 anni ed era uno degli uomini più ricchi d'Italia

Morto Leonardo Del Vecchio: il patron di Luxottica aveva 87 anni

È morto al San Raffaele di Milano Leonardo Del Vecchio.

Il

fondatore di Luxottica

e presidente di EssilorLuxottica aveva 87 anni ed era uno degli uomini più ricchi d'Italia. Cavaliere del Lavoro, l'ex Martinitt (antica istituzione milanese che accoglieva orfani e bimbi abbandonati), era diventato negli ultimi 50 anni l'ago della bilancia del salotto finanziario milanese. Oltre al colosso degli occhiali aveva partecipazioni importanti in Mediobanca e Generali.

È stato il classico self made man, nato a Milano nel 1935 da genitori emigrati dalla Puglia, era l'ultimo di quattro figli. La madre rimasta vedova poco prima di partorirlo non era stata in grado di accudirlo e preferì affidarlo al collegio dei Martinitt. Poi a 15 anni il primo lavoro, garzone in una fabbrica produttrice di coppe. Sono i proprietari di questa azienda, la Johnson, a spingerlo a frequentare all'Accademia di Brera corsi serali di design e incisione.


 



 


Leonardo Del Vecchio nella sua lunga vita non è mai stato fermo. A 22 anni si trasferisce in Trentino e poi in Veneto. E proprio ad Agordo apre una bottega di montature per occhiali: la Luxottica. Siamo nel 1961 e l'azienda ha 14 operai e si specializza nella minuteria per occhialerie. Sessanta anni dopo Luxottica è un colosso da 80mila dipendenti, 9mila negozi e un fatturato di oltre 30 miliardi di euro. 


 



 


La sua vita professionale è stata lunga e ricca di traguardi. Anche quella privata non è stata da meno, magari un po' più "colorita". Sposato tre volte, ha sei figli: Claudio, Marisa, Paola (dal primo matrimonio con Luciana Nervo), Leonardo Maria (dall'attuale moglie Nicoletta Zampillo che ha sposato nel 1997 e, dopo il divorzio del 2000, ha risposato nel 2010), Luca e Clemente (nati nel 2001 e nel 2004, avuti dalla ex-compagna Sabina Grossi).


 


La successione -

Ora si aprirà il capitolo della successione. Leonardo Del Vecchio aveva conferito tutte le sue azioni in una cassaforte di famiglia in Lussemburgo, la Delfin S.à.r.l.: Leonardo Del Vecchio ne possedeva a suo nome il 25%, quota che aveva già deciso sarebbe passata alla moglie Nicoletta Zampillo al suo decesso; il restante 75% è stato diviso equamente tra i sei figli (12,5% a testa). Leonardo Del Vecchio aveva però mantenuto il controllo del 100%, tramite l'usufrutto, fino alla propria morte.


 


Zaia: "È stato artefice della riscossa della nostra terra" -

"Amo ripetere spesso che solo i pessimisti non fanno fortuna. Penso che il cavaliere Del Vecchio sia stato la dimostrazione vivente di questo modo di dire; un uomo che con la sua determinazione e la sua visione del lavoro, dal nulla si e' attestato nella classifica degli imprenditori di maggior successo in tutto il mondo. Desidero ricordarlo come uno degli artefici della riscossa della nostra terra, in particolare del riscatto economico delle nostre montagne. Il Veneto gli deve molto". Così il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia.


 


"Fu un imprenditore che ha guardato ben oltre i propri sogni - ha sottolineato Zaia -. Della bottega che aveva messo su con sudore ad Agordo poteva già considerarsi soddisfatto e realizzato alla fine degli anni Cinquanta. Ma da quella bottega è nata una piccola impresa, la Luxottica, che in breve è cresciuta fino ad essere una grandissima realtà produttiva, alla capo della quale Del Vecchio ha scalato la finanza internazionale, portando il Veneto alla ribalta del mondo. Sono numerosissime le persone delle nostre valli dolomitiche che grazie a lui hanno trovato un lavoro segnando la via del benessere per intere famiglie. Se il Veneto è oggi quella grande realtà produttiva ed economica che intendiamo mantenere e accrescere è grazie a figure come Del Vecchio che hanno creduto nel nostro lavoro e nella nostra gente. Invio le mie condoglianze ai familiari e a lui un pensiero".


 


Sindaco Sala: ha speso tutta la vita per il lavoro -

"Con la scomparsa di Leonardo del Vecchio, Milano perde una delle figure più emblematiche della sua storia recente". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha ricordato sulle sue pagine social l'imprenditore. "Il valore fondante di Milano è il lavoro - ha aggiunto - e Leonardo del Vecchio vi ha speso tutta l'esistenza, fino all'ultimo suo istante".


 


Lapo Elkann: "Leggenda assoluta dell'Italia" -

"Leonardo Del Vecchio è stato una leggenda assoluta dell'Italia e un faro nell'industria degli occhiali". Lo ha ricordato Lapo Elkann in un tweet. "Nei diversi incontri - ha aggiunto - che ho avuto il privilegio di fare mi ha insegnato la ricerca della perfezione. Un grande abbraccio a tutta la sua famiglia e in particolare al mio amico Leonardo". 


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali