FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Economia >
  • Lavoro: i giovani sono i più penalizzati dalla crisi

Lavoro: i giovani sono i più penalizzati dalla crisi

Dal 2008 il tasso di occupazione tra i 25-34enni è sceso di dodici punti percentuali. La speranza è che con il Jobs Act il trend possa migliorare

- Il vicepresidente della Commissione europea Jyrki Katainen si dice fiducioso. Il Jobs Act potrebbe aiutare la crescita dell'occupazione oltre a garantire un “più equo rispetto per i giovani” lavoratori. Che, a conti fatti, sono stati quelli maggiormente penalizzati nel corso della congiuntura economica. Dal 2008 ad oggi, tanti sono stati i ragazzi che hanno perso un posto di lavoro o che non sono riusciti a trovarne uno.

Lavoro: i giovani sono i più penalizzati dalla crisi

I provvedimenti adottati recentemente dal governo potrebbero quindi imprimere un'inversione di tendenza rispetto al recente passato, aiutando finalmente l'inserimento dei più giovani nel mondo del lavoro. Magari favorendo una maggiore integrazione tra il mondo dell'istruzione e quello produttivo.

Pochi sono infatti i nostri giovani che riescono a transitare dai banchi di scuola ad una professione nell'arco di dodici mesi: solo il 26%, secondo l'Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori del ministero del Lavoro. Nel 2008 erano il doppio. Una percentuale, quest'ultima, che arriva a toccare il 38% per i ragazzi che hanno completato la propria formazione professionale in un istituto tecnico, stando ai dati contenuti in un report di AlmaDiploma anticipati dal Sole 24 Ore.

Negli anni della crisi economica, i più giovani sono stati quelli maggiormente penalizzati. Il motivo? Avendo poca o nessuna esperienza lavorativa, quest'ultimi possono essere poco appetibili agli occhi dei datori di lavoro soprattutto in periodi in cui un maggior numero di persone è alla ricerca di un impiego.

Ma c'è di più: dal 2008 ad oggi, secondo una recente rilevazione del Centro studi di Confindustria, le persone di età compresa tra i 25 e i 34 anni con un'occupazione sono diminuite di 1,6 milioni di unità. Il tasso di occupazione tra i più giovani è così sceso (inesorabilmente) a 59,1%. Ben 12 punti percentuali in meno rispetto al terzo trimestre del 2007: un'enormità. Nel 2002 era invece addirittura al 73,2%.

A ben vedere, eccezion fatta per Germania ed Austria, il calo del numero dei giovani occupati ha riguardato tutta l'Europa. Il confronto con i nostri partner europei nel periodo compreso tra il 2007 e il 2013 rimane comunque impietoso: l'Italia è infatti quarta per la entità della caduta del tasso di occupazione tra i giovani (-9,9%). Peggio di noi hanno fatto soltanto Grecia (-18,8%), Spagna (-16,6%) e Irlanda (-10,6%).

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X
TAG:
Giovani
Occupazione
Lavoro