FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La Cina esce dalla "secca" del coronavirus: Pil secondo trimestre +3,2% | Ma l'Fmi vede nero per il resto del mondo: "C'è ancora incertezza"

Pechino "approfitta" della richiesta boom di materiale medico in tutto il mondo. Il Fondo Monetario: "Non siamo ancora fuori dai guai, le disuguaglianze aumenteranno e sono fortemente a rischio le Pmi"

Xi Jinping

Il Pil della Cina rimbalza nel secondo trimestre del 2020 e segna una crescita del 3,2% su base annua e dell'11,5% rispetto ai tre mesi precedenti: i dati battono le stime degli analisti, rispettivamente, di +2,5% e di +9,8%, dopo un primo trimestre pesantemente negativo per la pandemia (-6,8% e -9,8%). "I fondamentali di lungo termine di solida crescita dell'economia della Cina non sono cambiati e non cambieranno", ha detto il presidente Xi Jinping.

Pechino prima economia a uscire dalla "secca" della pandemia - La Cina è il primo tra i principali Paesi finire e a emergere dalle secche del coronavirus e a tornare su un percorso di crescita dopo i devastanti effetti della pandemia scoppiata a inizio anno: il rimbalzo del 3,2%, infatti, inverte la rotta del tracollo del 6,8% di gennaio-marzo, configuratosi come la prima contrazione dal 1992, anno di inizio della raccolta statistica su base trimestrale. "L'economia nazionale ha superato progressivamente l'impatto avverso della pandemia nella prima metà del 2020 e ha dimostrato un momento di crescita tonica e di graduale ripresa", ha notato l'Ufficio nazionale di statistica in un comunicato.

 

 

Export in crescita grazie al boom del materiale medico - L'interscambio commerciale espresso in dollari è tornato positivo a giugno rispetto maggio: l'export è cresciuto dello 0,5% grazie alla domanda del materiale medico protettivo anti coronavirus e dei prodotti farmaceutici, mentre l'import è aumentato del 2,7% sulla spinta della richiesta di componenti dell'elettronica e materie prime. Se l'export è salito dello 0,1% nel secondo trimestre e l'import si è contratto del 9,7%, le attese degli economisti è di una ripresa piena nella seconda metà del 2020 con il prevedibile recupero della domanda internazionale. 

 

Ma l'Fmi la vede grigia per il resto del mondo - Mentre la locomotiva cinese riparte, il resto del globo arranca ancora. L'attività economica ha iniziato a riprendersi da livelli molto bassi ma l'incertezza resta alta, conferma il Fondo Monetario Internazionale nel documento preparato per il G20 dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali, che si terrà telematicamente  il 18 luglio. Al G20 il Fondo chiede "sforzi collettivi": "sono essenziali per mettere fine alla crisi finanziaria e rilanciare la crescita". "Siamo entrati in una nuova fase della crisi, una fase che richiederà ulteriore agilità politica e azione per assicurare una ripresa durevole e condivisa". Afferma il direttore generale del Fmi, Kristalina Georgieva, sottolineando che l'attività economica globale "ha iniziato gradualmente a rafforzarsi. Ma non siamo ancora fuori dai guai".

 

Allarme default pmi, potrebbero triplicare - Il Fmi lancia l'allarme per il possibile balzo dei default fra le imprese. Le richieste per la bancarotta negli Stati Uniti nel 2020 hanno raggiunto livelli non visti dalla crisi finanziaria. E secondo una analisi dello staff del Fondo su 17 Paesi, le bancarotte potrebbero triplicare da una media del 4% delle piccole e medie imprese prima della pandemia al 12% nel 2020 senza aiuti pubblici. "L'aumento maggiore sarebbe in Italia in seguito al forte calo della domanda aggregata e l'elevata produzione in industrie" che richiedono molti contatti. "Molti Paesi saranno profondamente colpiti dalle cicatrici economiche della crisi" del coronavirus: "preoccupano" i problemi del mercato del lavoro con alcuni paesi che fra marzo e aprile hanno perso più posti di quanti creati dalla fine della crisi finanziaria, dice ancora Kristalina Georgieva.  La pandemia, mette in evidenza, "aumenterà probabilmente la povertà e le disuguaglianze. Da qui l'invito ai paesi del G20 a lavorare insieme per sfruttare le opportunità offerte dalla crisi per un "futuro migliore"

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali