FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

LʼFmi: "Il Pil dellʼItalia arriverà allʼ1% nel 2018-2020, poi diminuirà"

Per il Paese la "priorità assoluta" è rappresentata da riforme strutturali che rafforzino produttività e potenziale di crescita

L'Fmi: "Il Pil dell'Italia arriverà all'1% nel 2018-2020, poi diminuirà"

La crescita del Pil in Italia sarà "di circa l'1% nel 2018-2020 e da allora in poi calerà". E' la stima fatta dal Fondo monetario internazionale che, nel rapporto preparatorio, ha sottolineato: "Il deficit complessivo del 2019 è previsto al 2,75% del Pil. Per il 2020-2021 è stimato al 2,8-2,9%, a meno che non ci sia ampio sostegno politico per attivare la clausola di salvaguardia sull'Iva o per trovare misure compensative".

L'Italia, prosegue l'Fmi, si assume "consistenti rischi" a procedere con una manovra espansiva in questa fase, che la lascerebbe "molto vulnerabile" a eventuali shock. "La materializzazione di shock negativi anche modesti - si legge - come un rallentamento della crescita o l'aumento degli spread, farebbe aumentare il debito e aggraverebbe il rischio che l'Italia si ritrovi costretta a dover fare una manovra restrittiva mentre l'economia si sta indebolendo".

"Raccomandiamo invece di portare avanti un moderato e graduale risanamento delle finanze pubbliche, per aiutare e mettere il debito su una traiettoria discendente e ridurre i rischi finanziari", aggiungono gli ispettori del Fmi.

In Italia quindi, la "priorità assoluta" è rappresentata da riforme strutturali che rafforzino produttività e potenziale di crescita, altrimenti "non c'è strategia per aumentare i redditi o garantire la stabilita' che possa reggere", avverte il Fondo monetario internazionale.

Il Fondo Monetario Internazionale mette inoltre in guardia l'Italia dal rischio di recessione che potrebbe derivare da livelli di debito troppo alti. Nel documento che anticipa l'Art.IV, il Fmi stima che il debito pubblico italiano "resterà intorno al 130% nei prossimi 3 anni". Questo potrebbe trasformare un rallentamento in una recessione".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali