FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Niente ripresa, lʼIstat conferma la crescita zero nel II trimestre 2016

Male lʼindustria che diminuisce dello 0,6%. I consumi sono fermi, gli investimenti sono in calo

I dati sul Prodotto interno lordo italiano non migliorano. L'Istat ha confermato la crescita zero nel secondo trimestre del 2016 mentre su base annua il Pil è aumentato di 0,1 punti allo 0,8%. Male l'industria che diminuisce dello 0,6%, bene invece agricoltura (0,5%) e servizi (0,2%). Lo si evince dai dati sui conti economici trimestrali sull'andamento dei vari settori dell'economia.

Consumi fermi, investimenti in calo - Consumi fermi e investimenti in calo nel secondo trimestre del 2016. La fotografia Istat sul Pil nei mesi aprile-giugno, indica dal lato della domanda interna, consumi nazionali stazionari in termini congiunturali (sintesi di un aumento dello 0,1% dei consumi delle famiglie e di un calo dello 0,3% della spesa della P.A.), e investimenti fissi lordi in flessione dello 0,3%.

La domanda nazionale al netto delle scorte - precisa ancora l'Istat - ha sottratto 0,1 punti percentuali alla variazione del Pil: si registrano contributi nulli per i consumi delle famiglie e delle istituzioni sociali private e per gli investimenti fissi lordi e un contributo negativo (-0,1 punti percentuali) per la spesa della pubblica amministrazione. La variazione delle scorte ha contribuito negativamente per 0,1 punti percentuali, mentre l'apporto della domanda estera netta è stato positivo per 0,2 punti percentuali. Le importazioni sono aumentate dell'1,5% e le esportazioni dell'1,9%.

Federconsumatori: serve azione shock per il lavoro - "Per un vero e reale sviluppo del Paese è indispensabile un'azione shock, un piano straordinario per il lavoro che invochiamo da tempo e che preveda lo stanziamento di investimenti pubblici per almeno 60 miliardi di euro". Lo affermano Adusbef e Federconsumatori commentando i dati sul Pil. A sostenere la crescita in Italia contribuisce l'agricoltura che con +1,8% del valore aggiunto fa registrare l'aumento annuale più elevato, aggiunge Coldiretti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali