FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Istat: il reddito delle famiglie sale di poco, giù risparmio e potere dʼacquisto

La propensione al risparmio delle famiglie è stata pari allʼ8,3%, in diminuzione di 0,2 punti percentuali nel terzo trimestre del 2018. Sale la pressione fiscale. I consumatori: "Il Paese arretra"

Istat: il reddito delle famiglie sale di poco, giù risparmio e potere d'acquisto

Nel terzo trimestre del 2018, il reddito disponibile delle famiglie italiane è aumentato dello 0,1% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi sono cresciuti dello 0,3%. Lo riferisce l'Istat, precisando che la propensione al risparmio delle famiglie è stata pari all'8,3%, in diminuzione di 0,2 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Il potere d'acquisto delle famiglie consumatrici è invece diminuito dello 0,2%.

La pressione fiscale sale al 40,4% - Secondo l'istituto di statistica, la pressione fiscale nel terzo trimestre del 2018 è stata pari al 40,4%, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. L'indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil è invece stato pari al -1,7% (-1,8% nello stesso trimestre del 2017).

Male anche i profitti delle imprese - La quota dei profitti sul valore aggiunto delle società non finanziarie, pari al 41,4%, è diminuita di 0,9 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Il tasso di investimento invece, pari al 22,2%, è aumentato di 0,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Sempre nel terzo trimestre del 2018, la spesa per interessi è salita di circa 1,7 miliardi di euro rispetto allo stesso periodo del 2017.

Unione nazionale consumatori "Il Paese arretra" - "Si peggiora invece di migliorare, il Paese arretra", ha commentato Massimiliano Dona, presidente dell'Unione nazionale consumatori. Bisogna tornare al terzo trimestre 2016 per avere un incremento più basso. "Fino a che il potere d'acquisto peggiora e i redditi restano al palo, è chiaro che i consumi non potranno ripartire come servirebbe per rilanciare la crescita e si resterà agli zero virgola. Inoltre, dato che i risparmi non si possono sacrificare a lungo, il rischio che si torni in territorio negativo è dietro l'angolo", ha aggiunto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali