FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Meno di mille euro a un pensionato su tre, Istat: ampi divari e disuguaglianze

La spesa torna a crescere dopo tre anni di riduzione: nel 2018 toccati i 293 miliardi di euro per 16 milioni di persone. Le donne sono più numerose ma meno pagate

"Il 36,3% dei pensionati riceve ogni mese meno di 1.000 euro lordi, il 12,2% non supera i 500 euro. Un pensionato su quattro (24,7%) si colloca, invece, nella fascia di reddito superiore ai 2.000 euro". Lo rileva l'Istat che, in base a dati del 2018, definisce "ampia la disuguaglianza di reddito tra i pensionati: al 20% con redditi pensionistici più alti va il 42,4% della spesa complessiva".

Nel 2018 spesi 293 miliardi per 16 milioni di pensionati - Nel 2018 i pensionati risultano circa 16 milioni, per un numero complessivo di trattamenti pari a poco meno di 23 milioni. La spesa totale, inclusa la componente assistenziale, nello stesso anno ha raggiunto i 293 miliardi di euro, il 2,2% rispetto al 2017.  Il peso relativo della spesa pensionistica sul Pil si attesta quindi al 16,6% contro il 16,5% del 2017, segnando quindi un'interruzione del trend decrescente osservato nel triennio precedente. 

 

 

Per 7 milioni di famiglia la pensione è la prima fonte di reddito - Secondo l'Istituto di statistica inoltre, "per quasi 7 milioni e 400 mila famiglie" proprio le pensioni "rappresentano più dei tre quarti del reddito familiare disponibile e nel 21,9% dei casi le prestazioni ai pensionati sono l'unica fonte monetaria di reddito": quest'ultimo caso riguarda oltre due milioni e 600mila nuclei. L'Istat conferma inoltre, in base a dati del 2017, che "la presenza di un pensionato all'interno di famiglie 'vulnerabili' (genitori soli o altre tipologie)  consente quasi di dimezzare l'esposizione al rischio di povertà". 

 

Donne in pensione più numerose e meno pagate - Le donne risultano la maggioranza del totale sia come percettrici di pensioni (55,5%) sia come pensionate (52,2%) ma ricevono solo il 44,1% della spesa complessiva. L'importo medio delle pensioni di vecchiai per loro è più basso rispetto a quello degli uomini del 36,7%, quello dell'invalidità è del 33,8%. Per la reversibilità invece le donne percepiscono 1,5 volte l'importo degli uomini. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali