FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Inflazione 2021 all'1,9% trainata dagli energetici: la più alta dal 2012

Dopo la flessione registrata nel 2020 (-0,2%), i prezzi tornano a crescere. Raddoppia il carrello della spesa: a dicembre +2,4%. E' la Valle d'Aosta la Regione più cara d'Italia

Dopo la flessione del 2020, nel 2021 i prezzi al consumo sono tornati a crescere con una media annuale dell'1,9%, registrando l'aumento più ampio dal 2012 (+3,0%). Secondo i dati Istat, la ripresa dell'inflazione è stata trainata soprattutto dall'andamento dei prezzi degli energetici (+14,1%), che invece erano diminuiti dell'8,4% nel 2020. Al netto di questi beni, nel 2021 la crescita dei prezzi al consumo è la stessa del 2020 (+0,7%).

L'Istat precisa che l'inflazione acquisita o trascinamento per il 2022 (cioè la crescita media che si avrebbe nell'anno se i prezzi rimanessero stabili fino a dicembre) è pari a +1,8%, diversamente da quanto accaduto per il 2021, quando fu -0,1%.

 

Quanto al mese di dicembre, l'ulteriore accelerazione dell'inflazione su base tendenziale è dovuta prevalentemente ai prezzi dei beni alimentari, sia lavorati (da +1,4% di novembre a +2%) sia non lavorati (da +1,5% a +3,6%), a quelli dei beni durevoli (da +0,4% a +0,8%) e dei servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (da +1,9% a +2,3%).

 

 

I prezzi dei beni energetici continuano a crescere in misura molto sostenuta, pur rallentando (da +30,7% a +29,1%), a causa di quelli della componente non regolamentata (da +24,3% a +22%), mentre la crescita dei prezzi della componente regolamentata rimane pressoché stabile (da +41,8% a +41,9%).

 

L'aumento congiunturale dell'indice generale è dovuto, per lo più, da un lato ai prezzi dagli alimentari non lavorati (+1,1%) e dei beni durevoli (+0,6%), dall'altro alla crescita, a causa di fattori stagionali, dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (+1,9%) e dei servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+0,8%).

 

L'indice armonizzato dei prezzi al consumo aumenta dello 0,5% su base mensile e del 4,2% su base annua (da +3,9% di novembre), confermando la stima preliminare. La variazione media annua del 2021 è pari a +1,9% (-0,1% nel 2020).

 

Raddoppia il carrello della spesa: a dicembre +2,4%

E continuano a correre spediti i prezzi del cosiddetto carrello della spesa. Secondo le rilevazioni dell'Istat, a dicembre i prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona raddoppiano la loro crescita da +1,2% a +2,4%. Quelli dei prodotti ad alta frequenza d'acquisto accelerano invece da +3,7% a +4%.

 

 

La Valle d'Aosta è la Regione più cara d'Italia

 La Valle d'Aosta è la Regione più cara d'Italia. E' quanto emerge dai dati sull'inflazione elaborati dall'Istat e riportati dall'Unione nazionale consumatori, relativi al mese di dicembre. Nella regione alpina l'inflazione annua è salita del 4,2%, con un aggravio medio a famiglia pari a 1.068 euro su base annua (1.764 euro per una famiglia di 4 persone). Al secondo posto la Liguria e al terzo posto il Trentino Alto Adige.

 

Salgono ancora i prezzi dei carburanti Salgono ancora i prezzi praticati dei carburanti sulla rete. In base all' elaborazione di Quotidiano Energia, quello medio nazionale della benzina, modalità self, cresce a 1,759 euro al litro (venerdì 1,750), quello del diesel a 1,628 euro/litro (venerdì 1,618).

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali