FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Economia >
  • Imprese, la difesa del Made in Italynei Paesi sottoposti a sanzioni

Imprese, la difesa del Made in Italy
nei Paesi sottoposti a sanzioni

La proposta di Farefuturo: una task force per aiutare le imprese a operare all'interno dei mercati sanzionati

- Istituzioni e associazioni di imprese sedute allo stesso tavolo. Un tavolo di lavoro durato per un'intera giornata, nella Sala delle Conferenze Internazionali della Farnesina, nel corso del Convegno Internazionale "L'Italia e le Sanzioni, Quando la geopolitica si scontra coi mercati" promosso dalla Fondazione Farefuturo. Un susseguirsi di interventi - gli ambasciatori e i ministri degli Stati interessati hanno dialogato con i leader di Condindustria, di ABI, Sace e del governo italiano - e un ritmo incalzante dettato da Adolfo Urso, presidente di Farefuturo, e promotore del meeting. "Dal momento che siamo in un mondo in cui le sanzioni militari sono illegali, è sull'economia che si raffinano i nuovi strumenti di pressione" ha osservato il viceministro agli Affari esteri Lapo Pistelli, intervenendo nel dibattito. "Meglio sarebbe risolvere con la diplomazia - ha aggiunto - ma è ovvio che l'economia è il campo dove si combatte la pressione reciproca che i Paesi si fanno tra di loro". "Ed è normale - ha aggiunto ha aggiunto il sottosegretario Benedetto Della Vedova - che a una democrazia liberale come l'Italia, la quinta potenza manifatturiera al mondo molto orientata all'export, le sanzioni non possono piacere poiché sembrano una violenta distorsione nell'ordine liberale di una economia integrata sul piano internazionale".

Imprese, la difesa del Made in Italynei Paesi sottoposti a sanzioni

Nel corso del meeting è stato analizzato, secondo le logiche di mercato, il ruolo dell'Italia declinato nei diversi scenari internazionali che vedono alcuni Paesi, nostri storici partner commerciali, sottoposti alla restrittività delle sanzioni.

Dall'Eritrea al Sudan, dalla Russia all'Iran: quattro casi studio, ognuno dei quali oggetto dei diversi panel. Un momento di incontro e confronto, animato soprattutto dalle imprese italiane, attive nel difendere i propri interessi nei Paesi sottoposti a sanzioni, e dagli ambasciatori e dei ministri dei Paesi dell'Africa Orientale, che si sono appellati all'Italia invocando "l'eliminazione delle sanzioni le cui motivazioni, ormai, sono state superate". "Da parte sua l'Italia ha sempre contribuito a mantenere vivo il negoziato politico con gli Stati destinatari delle sanzioni e con tutti gli altri coinvolti in quella crisi, al fine di promuovere le condizioni per un ritorno alla normalità, al ristabilimento dello status quo ante e di un nuovo equilibrio atto a garantire stabilità e sicurezza" è tornato ad incalzare Della Vedova.

E poi c'è la Russia, sanzionata dall'Onu per la violazione del cessate il fuoco in Ucraina, che oggi è a un passo dal default. "Se non saranno rimosse le sanzioni alla Russia (probabilmente saranno reiterate nonostante l'accordo politico di marzo, ndr) sarà in pericolo anche l'Europa" ha sostenuto animatamente Luca Ferrari, direttore centrale del Maeci. Le sanzioni imposte alla Russia sono state fin troppo efficaci dal punto di vista economico, meno su quello politico: le conseguenze sono state distorsive e imprevedibili e hanno portato la Russia a un passo dal default. L'export italiano in Russia è crollato del 11% nell'ultimo biennio - con una perdita di circa 1,3 miliardi di dollari - e il dato è destinato a crescere poiché il Pil russo, nel prossimo biennio, è destinato a subire un'ulteriore flessione che varia tra il 5 e il 10%. "Le sanzioni infatti - ha aggiunto Pistelli - possono generare una reazione nazionalistica molto dura anche sul Paese che le subisce".

Ma non è detto che quando si chiude una 'porta' non possa aprirsi un nuovo sbocco: "Se è vero che le imprese italiane ci hanno rimesso più delle altre dell'Unione Europea nei confronti degli stessi Paesi, è vero anche che la possibile rimozione delle sanzioni in Iran costituirebbe un'opportunità" ha osservato Adolfo Urso, secondo cui "l'Italia tornerebbe a crescere molto e molto in fretta". Dello stesso tenore Pierferdinando Casini: "Mi auguro si arrivi alla conclusione del negoziato nucleare con l'Iran e che l'Iran venga rimesso a pieno titolo nella Comunità Internazionale come protagonista, se vogliamo cominciare a risolvere alcuni punti nodali".

Da qui la proposta avanzata della Fondazione Farefuturo: "Una task force tra Palazzo Chigi, Mae, e Mise, con Ice, Confindustria, Abi e Sace, per indirizzare le imprese italiane ad operare nel pieno rispetto delle regole sanzionatorie non solo su quali siano i divieti da rispettare in un Paese sottoposto a sanzioni, ma anche per capire e saper cogliere tutte le opportunità presenti in quei mercati strategici" ha continuato Urso. Secondo una valutazione del Centro Studi CeNASS, presente all'incontro, nei prossimi anni assisteremo sempre più ad un aumento della conflittualità nell'estero vicino europeo, a cui corrisponderà un aumento del ricorso alle sanzioni e alle misure ritorsive, con il rischio di pericolose guerre commerciali. Progressivamente anche altre potenze emergenti avranno la forza di tutelare i propri interessi economici con un ricorso sempre più ampio a sezioni economiche ed in futuro anche finanziarie. "L'Italia infatti - ha aggiunto Urso - rischia di essere 'accerchiata' dai mercati sottoposti a sanzioni poiché ai suoi confini si sono moltiplicati gli scontri. Una task-force indicherebbe alle nostre imprese la giusta via per restare competitive".

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X
TAG:
Farefuturo
Convegno
Imprese
Made in italy
Task force