FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il peso della green economy in Italia

Secondo GreenItaly 2015, le nuove assunzioni riconducibili a competenze green previste per questʼanno sono 294.200

Il peso della green economy in Italia

I dati sulla green economy sono stati aggiornati. Dalla loro lettura, emerge un quadro interessante: anche nel corso della crisi economica, ad esempio, le imprese italiane hanno creduto nella green economy e probabilmente continueranno a farlo.

Secondo il rapporto GreenItaly 2015 di Fondazione Symbola e Unioncamere, negli anni della crisi economica, nonostante le numerose difficoltà, molte imprese hanno deciso di puntare sulle tecnologie a basso impatto ambientale: tra il 2008 e il 2015 ben 372 mila imprese, pari al 24,5% del totale, hanno investito in tecnologie per ridurre l'impatto ambientale, risparmiare energia e contenere le emissioni di CO2.

Una tendenza diffusa anche nel resto del Vecchio Continente: stando ad un rapporto della Fondazione per lo Sviluppo sostenibile e dell'Enea, in Europa, il 26% delle piccole e medie imprese offre prodotti e servizi "verdi" e il 93% ha messo in campo almeno un'azione per essere più efficiente.

Ad oggi, in Italia, la green economy, che vale 102 miliardi di euro, impiega 2 milioni e 942 mila lavoratori, pari al 13,2% dell'occupazione. Nei prossimi mesi, però, il numero degli occupati nel comparto è destinato a crescere: secondo GreenItaly 2015, le nuove assunzioni riconducibili a competenze green previste per quest'anno sono 294.200: il 59% della domanda di lavoro, osserva la Fondazione Symbola.

Le professioni della green economy si dividono in due categorie: le figure cosiddette ibride, che non sono direttamente finalizzate alla gestione dell'impatto ambientale di un'impresa-prodotto-servizio, e i green jobs. Tra le prime vanno incluse figure come il direttore sicurezza e ambiente e l'energy manager; tra le seconde, invece, troviamo ad esempio il biologo ambientale, il geologo e il consulente energetico.

Si tratta di professionisti altamente qualificati – secondo diversi studi, la stragrande maggioranza dei lavoratori green è laureato – e che, fatta eccezione per alcuni casi specifici, percepiscono stipendi in linea con il mercato nazionale delle retribuzioni per le professioni ibride e superiori alla media per quelle propriamente green. Ecco qualche esempio.

Secondo l'Osservatorio JobPricing, che ha provato a quantificarne la Retribuzione annua lorda, l'Energy Manager, inserito solitamente nell'impresa come quadro, viene retribuito con un salario inferiore alla media nazionale dei quadri: 43.843 contro 53.914 euro. Mentre i biologi ambientali, geologi e meteorologi percepiscono (rispettivamente) 7 mila, 6 mila e 5 mila euro in più rispetto alla media degli impiegati, pari a 31.122 euro annui.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali