FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ex Ilva, i sindacati: "Grave lo stop allo scudo penale, posti a rischio"

Le sigle temono che lʼesecutivo "fornisca un alibi allʼazienda per andare via". Il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli incontrerà la società e i sindacati: "Garantiremo la produttività"

L'abolizione dello scudo penale per l'acciaieria di Taranto "è un fatto grave che aggiunge ulteriore incertezza al futuro di ArcelorMittal in Italia". E' l'allarme lanciato Fim, Fiom e Uilm, che precisano come la norma abrogata non garantisse l'immunità penale "ma era limitata alla realizzazione del piano ambientale". "Nella migliore delle ipotesi - avvertono i sindacati - si profila il rischio di un drastico taglio di posti di lavoro". 

Lo stralcio della norma sull'immunità - La paura dei sindacati, che temono che l'esecutivo "fornisca un buon alibi all'azienda per andare via" , è stata scatenata dalla soppressione dell'articolo del dl imprese  relativo alle tutele penali per i manager dell'ex Ilva nelle commissioni Industria e Lavoro. 

 

La dura reazione dei sindacati - Lo  stralcio dell'articolo su Arcelor Mittal  ha colto di sorpresa anche i sindacati. Rocco Palombella della Uilm ha ricordato come l'azienda già perda "due milioni di euro al giorno". Per Gianni Venturi della Fiom Cgil si rischia "ulteriore incertezza" per l'ex Ilva e i suoi 11mila lavoratori, di cui oltre 3mila sono in cassa integrazione. L'azienda aveva minacciato infatti di andarsene senza quelle garanzie.
  

  

Patuanelli: "Garantiremo la continuità" - Il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli rassicura che sarà garantita la continuità nella produzione. "Interloquiremo con l'azienda e faremo assieme le scelte necessarie per garantire la continuità produttiva anche nel caso di sviluppo di nuove tecnologie", ha detto Patuanelli che oggi incontra i vertici  di ArcelorMittal e i sindacati.

 

"Un punto di equilibrio è possibile" - "Un punto di equilibrio, che attraverso una ritecnologizzazione degli impianti, in accordo con chi gli impianti li gestisce, è possibile", ha aggiunto il ministro. "C'è l' attività produttiva, l'occupazione evitando danni alla salute dei cittadini. Si possono tenere insieme - ha concluso Patuanelli - e di questo parlerà con l'azienda".      

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali