FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Disoccupazione, Istat: "A luglio scende al 12%, ai minimi dal 2013"

Segnali positivi anche per i giovani, con il tasso in calo di due punti e mezzo su base annua

Disoccupazione, Istat: "A luglio scende al 12%, ai minimi dal 2013"

Segnali minimi ma incoraggianti per il mondo del lavoro. Secondo l'Istat infatti il tasso di disoccupazione a luglio è pari al 12%, in calo dello 0,5% su giugno e dello 0,9% rispetto al 2014. Il ribasso arriva dopo due aumenti e porta il tasso ai minimi da due anni esatti (era al 12% nel 2013). Segnali positivi anche per il tasso di disoccupazione giovanile, che si attesta al 40,5%, scendendo così del 2,5% su giugno e del 2,6% su base annua.

L'istituto di statistica sottolinea anche come si amplino i divari territoriali: dal 7,9% nelle regioni settentrionali, al 10,7% nel Centro fino ad arrivare al 20,2% nel Mezzogiorno.

Tasso d'occupazione sale a luglio, al top dal 2012 - Gli occupati a luglio salgono dello 0,2% su giugno, vale a dire di 44 mila unità in più. Sul luglio 2014 il rialzo è dell'1,1%, con 235mila persone occupate in più. E' quanto rende noto l'Istat, spiegando che il tasso di occupazione aumenta di 0,1 punti percentuali nel confronto mensile, portandosi al 56,3% e tornando ai livelli di novembre 2012.

Gli over50 spingono i "posti fissi" - Nel secondo trimestre 2015 continua, "a ritmo più sostenuto", l'aumento su base annua del numero di dipendenti a tempo indeterminato, con un aumento dello 0,7%, ovvero di 106 mila unità. Lo rileva l'Istat spiegando che "l'incremento riguarda gli ultra 50enni e interessa soprattutto le donne, il terziario, il Centro e il Mezzogiorno".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali