FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, Coldiretti: partenze dimezzate rispetto a giugno 2019

Vacanze "a regime" per gli italiani, che prediligono le mete nazionali complice anche lʼincertezza sulla riapertura delle frontiere

Sono 3,1 milioni gli italiani che quest'anno scelgono di andare in vacanza a giugno, anche per qualche giorno, dando il primo vero impulso alla ripresa delle attività turistiche dopo il lungo lockdown. E' quanto emerge dall'analisi Coldiretti/Ixe', che però evidenzia partenze più che dimezzate (-54%) rispetto allo scorso anno. Si registra una netta preferenza delle mete nazionali, complice anche l'incertezza sulla riapertura delle frontiere.

La scelta di promuovere il turismo interno "è importante - precisa la Coldiretti - per cercare di compensare la pesante incognita sulla presenza degli stranieri in Italia con gli arrivi completamente fermi soprattutto per i turisti provenienti da Paesi extracomunitari come Giappone, Cina e Stati Uniti. Deboli segnali arrivano invece da Germania e Nord Europa".


"Le partenze in bassa stagione sono particolarmente apprezzate da chi ama la tranquillità e vuole stare lontano dalle folle, tanto più considerate le misure sul distanziamento sociale per garantire la sicurezza. Il tutto senza rinunciare però a visitare le principali mete turistiche. Ma in avvio della stagione turistica è anche più facile ottenere degli sconti rispetto all'alta stagione: fino al -25% con i listini per l'alloggio, il vitto ma anche ombrelloni e lettini che infatti subiscono - sottolinea la Coldiretti - un'impennata a partire dal mese di luglio per toccare i valori massimi nella prima metà di agosto".

 

Seconde case e alberghi - La maggioranza degli italiani in viaggio "ha scelto di riaprire le seconde case di proprietà o di alloggiare in quelle di parenti e amici o in affitto, ma nella classifica delle preferenze ci sono nell'ordine anche alberghi, bed and breakfast e campeggi con i camper molto gettonati. Tra le mete privilegiate delle vacanze di giugno ci sono sicuramente le oltre 24mila aziende agrituristiche italiane.


Il ritorno alla vacanza degli italiani rappresenta una grande speranza per il turismo nazionale, dopo gli 81 milioni di presenze perse per effetto del lockdown negli ultimi tre mesi. L'impatto economico fra marzo, aprile e maggio è stato drammatico con l'azzeramento della spesa turistica nel trimestre e una perdita stimata dalla Coldiretti in quasi venti miliardi di euro per l'alloggio, la ristorazione, il trasporto e lo shopping.


A rischio c'è un sistema turistico Made in Italy che si compone di 612mila imprese con oltre 700mila unità locali e rappresenta il 10,1% del sistema produttivo nazionale. Il settore superainfatti quello settore manifatturiero, con 2,7 milioni di lavoratori, il 12,6% dell'occupazione nazionale secondo elaborazioni dati Unioncamere.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali