FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cgia: "Con lʼaumento dellʼIva ogni famiglia pagherà 242 in più nel 2019"

Nel dettaglio, il rincaro sarà pari a 284 euro per famiglia al Nord, a 234 euro al Centro e a 199 euro nel Mezzogiorno

Se il governo non dovesse riuscire a impedire l'aumento dell’Iva, nel 2019 ogni famiglia italiana subirà un incremento medio di imposta pari a 242 euro. Lo riferisce la Cgia, le cui stime prevedono un rincaro pari a 284 euro per famiglia al Nord, a 234 euro al Centro e a 199 euro nel Mezzogiorno. Se non verranno recuperati 12,4 miliardi di euro entro dicembre, l'aliquota ordinaria passerà dal 22 al 24,2%, mentre quella ridotta dal 10 salirà all'11,5%.

"Bisogna assolutamente evitare l'aumento dell'Iva - afferma il coordinatore dell'Ufficio studi della Cgia, Paolo Zabeo - non solo perché colpirebbe in particolar modo le famiglie meno abbienti e quelle più numerose, ma anche perché il ritocco all'insù delle aliquote avrebbe un effetto recessivo per la nostra economia. Il 60% del Pil nazionale è infatti riconducibile ai consumi delle famiglie. Se l'Iva dovesse salire ai livelli record previsti, per le botteghe artigiane e i piccoli commercianti sarebbe un danno enorme, visto che la stragrande maggioranza dei rispettivi fatturati è attribuibile alla domanda interna".

Non solo: Se non verrà scongiurato l'aumento, dal 2019 l'Italia sarà il Paese con l'aliquota Iva ordinaria più elevata dell'Eurozona. "Questo balzo ci consentirebbe di scavalcare tutti e di posizionarci in testa alla classifica dei più tartassati dalle imposte indirette", sottolinea Zabeo. L'aliquota ordinaria dell'Iva è stata introdotta per la prima volta 45 anni fa, nel 1973, e fino a quest'anno è aumentata nove volte. Tra i principali Paesi dell'area euro siamo quello in cui è cresciuta di più: ben dieci punti percentuali. "Un record, ovviamente, che nessuno ci invidia", afferma la Cgia.

"Se è vero che in questi 45 anni – evidenzia il segretario della Cgia, Renato Mason – abbiamo subito l'incremento d’aliquota più significativo, è altresì vero che nel 1973 quella applicata in Italia era, ad esclusione della Germania, la più contenuta".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali