FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Caro energia, la ricetta del sindaco di Rimini è un ritorno al passato: ok a camini e stufe a legna

Il primo cittadino si sottrae alle misure anti smog imposte dall'Emilia Romagna: "Le limitazioni rischiano di gravare troppo sulle tasche dei cittadini"

Ansa

Stop a caminetti e stufe a legna in Emilia Romagna, ma le limitazioni non riguardano Rimini.

Il sindaco Jamil Sadegholvaad ha scelto di soprassedere alle misure anti-smog della Regione per migliorare la qualità dell'aria: le limitazioni, infatti, rischierebbero di gravare troppo sulle tasche dei cittadini dati i super rincari attesi sulle bollette del gas.

 

La vicenda - Jamil Sadegholvaad, primo cittadino di Rimini, si sarà posto questa domanda: ridurre l'inquinamento o contrastare il caro energia? La seconda. Via libera, dunque, a camini aperti, caminetti, stufe a legna o pellet fino a classe 2 (che il piano vieta per i territori sotto i 300 metri di altitudine). 

Come chiarisce nell'ordinanza: "Sarà solo per quest’anno. In questo momento non posso non tenere conto della vera e propria emergenza energetica, con il caro bollette che si sta abbattendo come una mannaia sulle spese e sulle condizioni di vita delle famiglie, e che ancor più si abbatterà nelle prossime settimane". 

Il Comune conferma le limitazioni alla circolazione stradale previste dal Piano aria integrato regionale (Pair 2020) e dal nuovo accordo di bacino Padano, con annessa stretta emergenziale in caso di sforamento previsto dei livelli inquinanti.

 

L'estensione della sospensione - Il sindaco di Rimini ha chiesto, inoltre, di valutare l'estensione della sospensione del divieto di accendere stufe e camini al resto della Regione, guidata dal collega del Pd, Stefano Bonaccini. 

Sul tema l'Emilia-Romagna non è insensibile: insieme alle altre amministrazioni del bacino Padano - Veneto, Lombardia, Piemonte - ha spinto per un confronto col governo proprio per affrontare il tema delle misure antismog in considerazione del contesto di crisi in cui vivono i cittadini. Gli assessori all’ambiente hanno manifestato la necessità di equilibrare esigenze di natura ambientale (il miglioramento della qualità dell'aria) con quelle economico-sociali, in un momento di difficoltà grave per famiglie, enti e imprese. 

 

 

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali