FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Confermato sciopero benzinai il 25 e il 26 gennaio | Cambia il decreto: dalla comunicazione dei prezzi alle multe

I distributori resteranno chiusi per 48 ore, compresa la modalità self service, su strade e autostrade. Garantiti i servizi minimi essenziali

benzinai benzina distributore diesel
IPA

Confermato lo sciopero dei benzinai il 25 e 26 gennaio.

Lo hanno reso noto le organizzazioni dei gestori Faib, Fegica, Figisc-Anisa dopo l'incontro con il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso. I sindacati hanno spiegato come le posizioni siano distanti e si sono detti "profondamente delusi". La mobilitazione riguarderà anche gli impianti self service, che però garantiranno i servizi minimi essenziali. Intanto, come annunciato, il governo ha "alleggerito" il decreto, smorzando la stretta su comunicazione dei prezzi e multe.

 

Quando ci sarà lo sciopero: gli orari

 Lo sciopero dei gestori dei distributori dei carburanti inizierà alle 19 del 24 gennaio e si concluderà alle 19 de 26 gennaio. In tutto saranno 48 le ore di chiusura degli impianti, compresa la modalità self service. Lo sciopero riguarda strade e autostrade. Tuttavia, fanno presente le organizzazioni che hanno proclamato lo sciopero, saranno garantiti dei servizi minimi essenziali.

 

 

Cambia il decreto: ecco come, le nuove regole

 Con le modifiche al decreto sulla trasparenza proposte dal ministero, l'obbligo di comunicazione dei prezzi della benzina diventerà settimanale (e non giornaliero) e a ogni variazione del costo alla pompa. La chiusura per omessa comunicazione avverrà solo dopo quattro omissioni nell'arco di 60 giorni, e non più dopo tre senza limiti temporali anche non consecutivi. L'eventuale chiusura potrà essere decisa da uno a 30 giorni, mentre prima la previsione era da sette a 90 giorni. Le sanzioni per omessa comunicazione andranno da un minimo di 200 a un massimo di 800 euro, a seconda del fatturato dell'impianto (prima raggiungevano i 6mila euro).

 

Benzinai: "Decreto inutile, il cartello è una penalizzazione"

 L'obbligo della cartellonistica per l'esposizione del prezzo medio, previsto dal decreto trasparenza, "penalizza i benzinai ed è inutile per far abbassare i prezzi". Questa la critica principale avanzata dalla categoria dei gestori dopo l'incontro con il governo. Per Giuseppe Sperduto della Faib c'è "una penalizzazione per un cartello inutile, siamo una categoria che basa il proprio lavoro sulla trasparenza e ora il decreto genera ulteriore confusione. Le nostre stazioni non sono delle frutterie". Massimo Terzi, di Anisa Confcommercio, ha spiegato che "non è certo un cartello che può risolvere i problemi". Per Roberto Di Vincenzo, della Fegica, c'è invece "un problema vero di riassetto del settore. I gestori hanno l'obbligo di comunicare ogni variazione di prezzo entro otto giorni. L'osservatorio prezzi è a disposizione di tutti. La rilevazione settimanale dei prezzi la fa il ministero".

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali