FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bankitalia, a novembre nuovo record del debito pubblico: 2.345,3 miliardi

In un mese è aumentato di 10,2 miliardi: la variazione ha riguardato sostanzialmente le amministrazioni centrali

Bankitalia, a novembre nuovo record del debito pubblico: 2.345,3 miliardi

Nuovo record per il debito pubblico italiano. A novembre è aumentato di 10,2 miliardi rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.345,3 miliardi. E' quanto si legge nel supplemento al Bollettino Statistico "Finanza pubblica, fabbisogno e debito" di Bankitalia.

L'incremento segnato nel mese di novembre è andato a finanziare il fabbisogno del mese (5,8 miliardi) e l'aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (3,3 miliardi, a 51,9). Bankitalia precisa che l'effetto complessivo degli scarti e dei premi all'emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all'inflazione e della variazione dei tassi di cambio ha inoltre incrementato il debito di 1,2 miliardi.

In riferimento alla ripartizione per sottosettori, la variazione del debito ha sostanzialmente riguardato le amministrazioni centrali, aggiungono a via Nazionale, specificando che il debito delle amministrazioni locali e quello degli enti di previdenza sono rimasti pressoché invariati.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali