FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dimmi che difetto hai e ti dirò... come sedurre!

Caratteraccio o no, tutti possiamo avere un asso nella manica: la seduzione è un gioco da imparare

Dimmi che difetto hai e ti dirò... come sedurre!

La seduzione è un'arte che si impara pian piano. Molto più raffinata del semplice concetto di bellezza, è un gioco in cui tutto vale se opportunamente utilizzato: anche un brutto carattere può avere il suo fascino, così come la timidezza. Ecco come affinare le armi!

No, anzi sì, anzi forse: noi donne, si sa, siamo un po' volubili; i cambiamenti d’umore dell’ultimo minuto spesso irritano gli uomini, ma possono trasformarsi in un’arma di seduzione perché l'imprevedibilità ci aiuta a tenerli sulla corda. Il fatto di non sapere cosa aspettarsi stuzzica i maschietti, che devono seguirci per impedirci di sfuggire.

So tutto io: mettere i puntini sulle “i”, criticando ogni azione od opinione può stressare. Non è né supponenza né pignoleria: in realtà, siamo solo ricche di interessi e dotate di cervello pensante, attributi che seducono. Perché non interpretare questo atteggiamento in chiave sexy? La maestrina seducente che punzecchia l'allievo ha un potenziale erotico molto forte.

Dolcezza sempre: se ci si offende facilmente si può sdrammatizzare adottando due strategie: una è l’ironia e l’altra è la sincerità. Chiarire senza inacidirsi quando lui fa qualcosa che ci fa rimanere male dimostra sicurezza in noi stesse. Dire sinceramente cosa ci ha dato fastidio induce responsabilità e questo agli uomini piace molto, perché risveglia il loro senso di protezione.

Sexy in rosso: la timidezza può essere molto seducente se fatta passare per ingenuità: crea un intrigante senso di mistero che incuriosisce. Essere civettuole è consigliatissimo: arrossire, guardarlo con dolcezza magari sbattendo le ciglia, oppure alternare un silenzio calcolato ad un doppio senso saranno sufficienti per capire che è un gioco di seduzione.

No al principe consorte: agli uomini non piace non sentirsi all'altezza, dunque evitiamo di fare le prime della classe. Mostrarsi cooperative è invece vincente, tanto più che due cervelli lavorano meglio insieme piuttosto che da soli. Se siamo inevitabilmente competitive, l'unica è lanciare delle sfide, ma sempre con ironia e dolcezza, senza umiliare il nostro lui.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali