FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Un calcio ad un pallone per "Non dire addio ai sogni"

Gigi Riva, autore del cult "Lʼultimo rigore di Faruk", torna con un romanzo che attraverso il gioco del calcio racconta il dramma dellʼimmigrazione

Sa essere amara la vita in Senegal, se nasci in uno dei suoi tanti paesi spazzati da vento e povertà. Anche quando, come Amadou, il talento nel calcio sembra poter essere il trampolino di lancio per abbandonare un mondo fatto di difficoltà. E così, quando due procuratori gli propongono di partire, con la falsa speranza di approdare in un club francese, il giovane si convince che il suo destino stia per cambiare. Davanti a lui invece si apriranno le porte di un'odissea, quella dell'immigrazione clandestina, che lo accomuna a tanti suoi coetanei e connazionali. Ispirandosi ai fatti di cronaca, Gigi Riva ci racconta come "Non dire addio ai sogni" e lo fa attraverso un libro di formazione - edito da Strade Blu Mondadori - che ci accompagna, passo dopo passo, alla scoperta di una nuova e terribile forma di tratta degli schiavi. 

Un estratto per i lettori di Tgcom24: 

 

 

L'autore - Gigi Riva è nato a Nembro (Bergamo) nel 1959. Romanziere, sceneggiatore per il cinema, è oggi editorialista dell’ Espresso. di cui è stato a lungo inviato in Medioriente. Da inviato speciale de Il Giorno ha seguito tutte le guerre balcaniche degli anni Novanta. Il suo primo romanzo, "L’ultimo rigore di Faruk" (Sellerio, 2016), è diventato un piccolo cult.

 

 

NON DIRE ADDIO AI SOGNI
Gigi Riva
Strade Blu Mondadori
228 pagine
Prezzo 18,00€

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali