FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Torino, a Palazzo Chiablese arriva "La Belle Époque" di un pittore dʼeccezione: Henri de Toulouse-Lautrec

Dal 22 ottobre 2016 al 5 marzo 2017, in esposizione circa 170 opere provenienti dallʼHerakleidon Museum di Atene

Torino, a Palazzo Chiablese arriva "La Belle Époque" di un pittore d'eccezione: Henri de Toulouse-Lautrec

Rampollo di un’antica famiglia aristocratica del sud della Francia, il 17enne Henri de Toulouse-Lautrec decide di sfidare l’opposizione del padre e, nel 1881, si trasferisce a Parigi, nel quartiere bohémiendi Montmartre, per diventare pittore. La vita notturna parigina, frivola e peccaminosa, diventa il suo rifugio e il temaprediletto della sua arte.

Boa di struzzo, giarrettiere, lunghi guanti neri, cappelli, pizzi e piume sono solo alcuni degli accessori che le donne dipinte da Lautrec si concedono di indossare tra le mura delle stanze, nei salotti dei bordelli o trai tavoli dei cabaret e dei caffè-concerto. 

Prostitute, ballerine, entreneuse, cantanti, maîtresse, giovani e fragili fanciulle sono i soggetti che Lautrec ci regala nei suoi quadri e nei suoi famosi affiche per raccontare, senza giudizio, i vizi e le paillette della scintillante Belle Époque.

In poco tempo, Lautrec diventa uno degli illustratori e dei disegnatori più richiesti di Parigi, dai manifesti pubblicitari per le rappresentazioni teatrali, i balletti e gli spettacoli alle illustrazioni per importanti riviste dell’epoca, come la satirica “Le Rire”.

È intorno a queste meravigliose locandinee alle belle litografie a colori che si concentra la mostra a Palazzo Chiablese di Torino, con circa 170 opere, tutte provenienti dalla collezione dell’Herakleidon Museum di Atene.

La Belle Époque di Toulouse-Lautrec

Tra gli affiche spiccano i volti di Aristide Bruant, cabarettista dell’Ambassadeurs, avvolto nella sua vistosa sciarpa rossa; il profilo della bella Jean Avril, dai seducenti capelli color carota, seduta al banco del Divan Japonais; i ginnici fantini delle corse a Longchampe; la scatenata Goulue, una delle attrazioni del Moulin Rouge. Personaggi che, grazie a Lautrec, sono divenuti tutti l’emblema di una Parigi dissoluta e affascinante, sciantosa e accattivante.

L’aristocratico visconte se la vivrà tutta e intensamente, seppurenon a lungo, uscirà infatti di scena a trentasette anni, il 9 settembre del 1901, alle soglie del XX secolo e con lui si chiuderà un’epoca.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali