FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

I capolavori di Edward Hopper a Basilea

Eʼ la prima volta che le opere del maestro vengono esposte nella Svizzera tedesca. Nei suoi dipinti tutto resta sospeso, in una dimensione metafisica dove è protagonista la luce

Basilea, i capolavori di Edward Hopper esposti alla Fondazione Beyeler

The use of image material may incur copyright fees. According to Swiss Law image material may also be used free of charge for press purposes in the context of current reporting. However, this use is only permitted in connection with the current exhibition and within the course of its duration. Any further or cross-border use requires the permission of the copyright holder. Please note that Fondation Beyeler is not the owner of these copyrights and expressly declines responsibility for copyright fees arising from the use of image and film material (e.g. from Pro Litteris, VG-Bildkunst or similar institutions).

Sono 65 i lavori di Edward Hopper (1882–1967) esposti alla Fondazione Beyeler di Basilea e sono stati eseguiti tra il 1909 e il 1965. Tra questi possiamo citare capolavori come Gas (1940), Second Story Sunlight (1960) e ancora Cape Code Morning (1950). Ma è soprattutto sul tema del paesaggio che si concentra la rassegna svizzera con iconici scorci del Massachusetts realizzati ad olio a cui si aggiunge una rara selezione di acquerelli e di disegni, mezzi con cui l’artista era solito appuntarsi le idee.

E' la prima volta che opere di Hopper vengono esposte nella Svizzera tedesca e l’iniziativa è nata con la cessione in prestito permanente alla Fondazione Beyeler di Cape Ann Granite, un paesaggio dipinto da Hopper nel 1928 e che per decenni aveva fatto parte della Collezione Rockefeller.

 

I paesaggi di Hopper sono composizioni di limpida geometria, sezioni auree di un mondo moderno, ma stranamente immobile e silente. Elementi salienti sono le case che occupano lo spazio come volumi dagli spigoli vivi, come blocchi cubici e inaccessibili; le linee parallele dei binari ferroviari sui quali sembra non essere mai transitato un treno; la successione di piani ondulati disegnati dalle colline e gli impenetrabili boschi, scuri e inquietanti.

 

Su tutto vigila la luce: zenitale, pura e rigorosa. Per Hopper la luce non è un fenomeno atmosferico, ma mentale e come Vermeer o Seurat la usa per solidificare, geometrizzare, immobilizzare i corpi e le cose nello spazio. Nei suoi dipinti la luce si sostituisce all’aria e ne diventa protagonista: "Quello che volevo fare era dipingere la luce del sole sul lato di una casa", racconta l’artista a Lloyd Goodrich nel 1946. E accanto alla luce c’è l’ombra, che insinua nella visione un senso di disagio, di inquietudine, come di qualcosa che sta per accadere ma poi non si compie. Tutto resta sospeso, cristallizzato in un tempo senza fine, in una dimensione metafisica e straniante.

 

Un fermo immagine che mette in evidenza un altro aspetto, spesso citato, dell’opera di Hopper: la malinconia, che nei paesaggi è velata, quasi impercettibile, se non fosse per quelle strade deserte, quei campi disabitati, quelle fattorie senza un segno di vita e quando all’interno del paesaggio compaiono gli uomini è ancora peggio: il loro inutile attendere, il loro non agire, i loro volti taciturni, sempre seri e pensosi non fanno che accrescere la cappa di mestizia che avvolge tutte le cose. Infine, un punto focale, anche questo spesso ribadito, è il silenzio.

Edward Hopper

 

Nei suoi quadri le città sembrano disabitate, le strade sono deserte, le rare auto sono ferme e persino la natura non ha voce: non c’è il suono del vento, non c’è il cicalio degli uccelli, finanche il mare non fa rumore. Quello di Hopper è un mondo immobile e privo di suoni o se ci sono non ci arrivano perché è come se fossimo costretti a guardarlo attraverso il vetro di un acquario. Nulla deve distrarre lo spettatore al quale viene chiesto un immenso sforzo: pensare, impegnarsi per risolvere il grande rebus della vita.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali