FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Google celebra la prima donna laureata: Elena Lucrezia Cornaro

Lʼomaggio del motore di ricerca nel 373° anniversario dalla nascita dellʼerudita veneta

Google celebra la prima donna laureata: Elena Lucrezia Cornaro

Aprendo la home page di Google in molti si saranno chiesti chi fosse la donna raffigurata nel doodle celebrativo. Si tratta di Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, conosciuta anche come Elena Lucrezia Corner, nata 373 anni fa a Venezia (il 5 giugno 1646) e considerata come la prima donna laureata del mondo. Figlia di un nobile veneziano, che ne favorì in tutti i modi l'educazione, a diciannove anni prese i voti come oblata benedettina, proseguendo gli studi di filosofia, teologia, greco, latino, ebraico e spagnolo. Ottenne un dottorato in filosofia all'Università di Padova ma non in teologia perché il cardinale Gregorio Barbarigo si oppose duramente, essendo lei donna.

E per lo stesso motivo non potè mai esercitare l'insegnamento. Divenne famosa tra gli studiosi italiani dell'epoca proprio per la sua erudizione. Morì a soli trentotto anni il 26 luglio 1684 e diede disposizione affinché tutti i suoi manoscritti fossero distrutti. In realtà le sue opere si limitarono a quattro discorsi accademici, undici elogi, cinque epigrammi, un acrostico, sei sonetti e un'ode.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali