FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Francesco Somaini e Milano | Quando il destino della scultura è il campo urbano

L’esposizione, curata da Fulvio Irace, Francesco Tedeschi e dalla figlia Luisa Somaini, sarà accompagnata da un ricco programma di incontri e da percorsi a Milano e in Lombardia

Sito ufficiale

Ho un’idea antica della scultura, per me l’artista che fa cose minute ed intime che parlano di sé, non segue la tradizione italiana” e ancora “alla scultura ormai non resta come futuro che il campo urbano e sociale” perché “i limiti della scultura non sono né tecnici né poetici ma sociali e stanno nella fruizione”.

Si potrebbe non aggiungere altro alle parole di Francesco Somaini, uno degli scultori italiani più sensibili al destino urbano dell’arte plastica. Per oltre settant’anni, tanto è durato il suo percorso creativo, Somaini (Lomazzo 1926 – Como 2005) ha riflettuto sul concetto di

arte intesa come intervento destinato alla valorizzazione delle città

, di una scultura che deve saper essere monumentale nell’idea prima ancora che nelle dimensioni.

I suoi bronzi e le sue pietre si integrano perfettamente con il tessuto urbano (e con la natura), anzi sembrano nati per dargli la ragione d’essere, in un dialogo continuo e osmotico. Somaini amava la materia, sapeva infonderle freschezza e leggerezza. La modellava con getti d’aria compressa e sabbia (che lui chiamava “lo scalpello di Dio”) fino a renderla vaporosa, fino a piegarla come fosse continuamente sferzata dal vento o come fosse stata strappata alla terra millenaria. Fondeva il bronzo, ma gli piaceva lavorare anche materiali non “nobili” come il ferro, il peltro, il piombo e la resina.


 


Le prime sculture sono dell’immediato dopoguerra e risentono degli insegnamenti di Manzù, suo maestro a Brera, ma anche di Marino Marini e di Arturo Martini. Negli anni Cinquanta e Sessanta i suoi lavori rientravano nell’area informale, ma è negli anni settanta che, con i soggiorni a New York, è nata l’attenzione per la città. Opere come Carnificazioni, la Sfinge di Manhattan (1974), il Colosso di New York (1976), mostrano il desiderio “di recuperare il campo urbano alla voce corale”, e che a Milano hanno un grande esempio nel monumento voluto dall’Associazione Marinai d’Italia, nell’omonima piazza, con una gigantesca onda che si innalza nel cielo per unire in un unico respiro materia, acqua, luce e infinito.


 


Milano ha deciso di celebrare questo suo grande scultore con una mostra,

aperta fino all’11 settembre

, di

più di 205 opere

, che vanno dagli anni della formazione fino all’ultima stagione, dislocandola in

tre sedi

: Palazzo Reale, Museo del Novecento e Fondazione Somaini. Nella

Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale settanta opere

documentano le varie fasi della sua ricerca, dal 1948 al 1992, ovvero dalla formazione all’Accademia di Brera alle esperienze d’Oltralpe, dall’adesione al MAC - Espace all’Informale fino all’ultima stagione caratterizzata dalla riscoperta del mito. Un importante focus, nella Sala della Lanterna, è riservato invece ai bozzetti preparatori per il suo Monumento ai Marinai d’Italia.


 


Negli spazi degli

Archivi del Museo del Novecento

sono stati raccolti più di

cento lavori

(disegni, progetti, modelli, sculture, dipinti e fotografie) che documentano la collaborazione con autori a lui coevi: Lucio Fontana, Ico Parisi e Giorgio Bassani (per il Concorso per il Monumento alla Resistenza di Cuneo, 1962-63) e l’architetto Luigi Caccia Dominioni con cui lo scultore aveva avviato un collaudato sodalizio per circa un ventennio. Infine, alla

Fondazione Somaini

(corso di Porta Vigentina 31, Milano) un centinaio di opere (tra disegni, progetti, modelli, sculture e fotomontaggi) confermano la vocazione di Somaini a modellare le città con le mani e gli occhi di uno scultore.


 


L’esposizione, curata da Fulvio Irace, Francesco Tedeschi e dalla figlia Luisa Somaini (storica dell’arte e per molti anni docente di Storia dell’arte all’Accademia di Brera), sarà accompagnata da un ricco programma di incontri e da percorsi in Milano e in Lombardia che aiuteranno a scoprire le numerose sculture e i bei mosaici realizzati dall’artista.


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali