FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pasti ai più bisognosi grazie a Food1st e Armani/Ristorante di New York
 

Il prestigioso ristorante fornisce pasti ai lavoratori impegnati nella lotta contro la pandemia e in Italia riaprono i ristoranti del Gruppo

Riaperture solidali 

Il Gruppo Giorgio Armani sostiene fin dall’inizio i sanitari che combattono in prima linea contro la pandemia COVID-19: dapprima ha riconvertito le sue fabbriche di moda per la produzione di mascherine e camici, ora si dedica al cibo.

L’Armani/Ristorante di New York infatti, è entrato a far parte del Food1st, fondazione senza scopo di lucro lanciata ad aprile da SL Green per affrontare la crisi alimentare in corso a New York, fornendo pasti ai lavoratori impegnati nella salvaguardia delle vite dalla pandemia in corso, oltre che ad altri newyorkesi bisognosi.

 

 

"Sono felice di collaborare con SL Green e lo Chef Boulud in questa importante iniziativa. Grazie a Food1st possiamo offrire il nostro aiuto a New York in questo momento di bisogno", ha dichiarato Giorgio Armani. "Mentre questa situazione critica continua ad esacerbare la crisi alimentare in corso e minaccia di estromettere dal mercato un gran numero di ristoranti, è incredibile vedere tante persone collaborare per creare un impatto positivo".

 

 

Non solo New York, ma anche Italia: presso l’Emporio Armani Ristorante di Bologna, che ha riaperto da poco insieme all’Emporio Armani Caffè, si è svolta un’altra iniziativa benefica.

 

 

La prima cena di raccolta fondi a domicilio a sostegno delle famiglie più colpite dall’emergenza sanitaria e sociale, promossa dallo stesso ristorante, in favore di Antoniano.

 

 

I cuochi hanno preparato una cena gourmet con un menu ad hoc: baccalà mantecato con tapenade di olive taggiasche, galletta di patate, polvere di capperi e limone; cannellone con sfoglia di porcini ripieno di tre ricotte e spinaci, crema al Parmigiano Reggiano e tartufo nero; guancia di manzo su crema di cavolfiore e verdure; tiramisù Armani.

 

 

La cena è stata poi consegnata a domicilio venerdì 15 maggio, grazie al lavoro dei volontari di Antoniano e il contributo di Galleria Cavour Green, Banca di Bologna e Cantina Paltrinieri. Un’iniziativa lodevole, per aiutare le persone più in fragili in questo periodo così difficile.

 

 

Anche a Milano hanno riaperto i ristoranti del Gruppo: l’Emporio Armani Caffè e il Ristorante Nobu sono operativi a tutti gli affetti, nel pieno rispetto delle norme stabilite dalle autorità e, come sempre stato, attenti a garantire la massima sicurezza dei propri dipendenti e clienti.

 

 

Le riaperture sono in linea con i migliori standard e con le disposizioni normative previste, al fine di

assicurare la massima tutela della salute e della sicurezza del pubblico e del personale.

 

 

Il pranzo e la cena sono prenotabili dal lunedì al sabato, mentre la domenica il ristorante è aperto per pranzo.

Emporio Armani Caffè e Ristorante è aperto dalla colazione all’aperitivo, fino al rito domenicale del brunch.

 

 

Nobu Milano è aperto tutti i giorni per pranzo, aperitivo e cena, nell’area del piano terra. È possibile gustare un cocktail o cenare anche al bancone, nel rispetto delle distanze e degli accorgimenti necessari.

 

 

Tutti i ristoranti, inoltre, continueranno a garantire ai propri clienti menu dedicati per il servizio di

delivery e asporto, come offerto nelle ultime settimane.

 

 

Menu e maggiori informazioni sono disponibili su www.armani.com/restaurant

 

Di Indira Fassioni

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali