FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Il cielo in tavola

Cinque stelle del Mandarin Oriental di Milano, due di Antonio Guida e del suo Seta e le tre stelle Michelin di Quique Dacosta per un allineamento inedito e straordinario

Magie di una notte 

Cieli notturni nascosti all’interno delle

grandi cucine

; nel nostro bisogno di classificare l’eccellenza le volte ci si può trovare a vivere esperienze al limite del paradosso dove

il numero delle stelle presenti nello stesso momento

e nello stesso luogo

è talmente alto da perdere di senso

. E allora ci si arrende alla bellezza dell’alta cucina e ci si abbandona così, seduti nell’eleganza esclusiva di uno Chef Table con la stessa leggerezza di chi si stende su un prato in una notte d’estate, con la consapevolezza che

l’unica cosa ad essere importante

in quel momento non è il numero preciso di stelle a cui ci si trova davanti, bensì

il messaggio che esse mandano quando si combinano tra di loro

, e l’unica cosa che assume senso è di

cercare di dare un nome a queste nuove, effimere, costellazioni

.


 


L’oroscopo dell’alta cucina italiana ed internazionale ha visto il 28 giugno un allineamento inedito, con

tre protagonisti talmente noti

da formare da soli una galassia: da un lato

le cinque stelle del Mandarin Oriental di Milano

, dall’altro

le due di Antonio Guida e del suo Seta

che in questo grand hotel è saldamente incastonato, e per concludere

le tre stelle Michelin di Quique Dacosta

, leggendario chef spagnolo che tra le altre cose è anche

Direttore Gastronomico del Mandarin Oriental Ritz di Madrid

.


 


Una quattro mani che merita di essere

inserita tra gli eventi da ricordare di quest’estate

, che ha visto

alternarsi piatti dei due chef in un perfetto concerto

, con una riuscitissima concertazione tra gli elementi più distintivi della cucina dei due maestri, capaci di

duettare senza perdere le proprie grandi identità da solisti.


 


Ad aprire le danze ci pensa il

Resident Chef

che propone la sua “terrina di vitello con barbabietola e canestrelli”, ennesima dimostrazione di come per

Guida

la parte vegetale sappia essere più che co-primaria, ma addirittura elemento caratterizzante di un piatto.


 


Il primo piatto dello spagnolo è il suo “Uovo Quique Dacosta Ritz”, sorprendente, capace di

rimettere insieme i fili della tradizione contemporanea spagnola riportandola ad essere emozionante

grazie a combinazioni di sapori che vanno oltre alla

pura mimesi in favore di una sorpresa del palato che sorpassi quella degli occhi

.


 


Ma quando tocca a Guida riprendere il timone, è facile rendersi conto che

la capacità di sorprendere il palato è nelle corde di entrambi gli chef

: i “carciofi con salsa alla curcuma, scarola alle spezie e banana” sarebbero un piatto completo già di per se, ma l’incredibile side dish con la banana gelata rimischia le carte che già sembravano determinate, rendendo l’insieme entusiasmante.


 


Si entra nel vivo della cena con le portate più complesse: la palla torna nelle mani di

Dacosta

che porta in tavola uno sei suoi piatti identitari, ovvero il “Gambas Amb Bleda”, Gambero rosso di Denia sbollentato in acqua di mare accompagnato da un infuso di bietole e teste di gamberi.


 


Al mare spagnolo risponde il mare italiano che lo chef ben conosce grazie alle sue lunghe esperienze in Costiera amalfitana e all’Argentario:“Lasagnetta con cipolla fondente, sgombro, cozze e ricci”. Non sappiamo se è vero che il pesce più fresco d’Italia lo si trova a Milano come recita il luogo comune, ma sicuramente il più saporito. Questo piatto infatti è sorprendentemente scevro di timore, con note decise e risolute, contrasti ben netti (finalmente la salicornia torna ad avere un ruolo degno), dimostrando che un grande chef può spingersi più in alto coi sapori, come in un crescendo rossiniano, senza temere stonature.


 


Questo piatto apre le danze per un’accellerata sull’intensità che vede alternarsi il “Rombo in salsa allo sherry” dalla Spagna e l’ ”Agnello al vadouvan con aglio nero, melanzana e fiore di zucchina” del Seta. Si chiude con un ultimo piatto di

Quique

, il suo “riso con fegato di colombaccio, spugnole, tartufo nero ed erbe”, ricco di sapori cinerei e selvatici, prima dei dolci: “zuppa di mandorla e petali bianchi” e il riuscitissimo “millefoglie vaniglia e verbena, ciliegie ai fiori di sambuco e gelato al pepe Timut”.


 


Nel vedere la pulizia dei movimenti dei due chef e della brigata del ristorante del Mandarin non si può non restare affascinati dalla

perfetta intesa che a certi livelli si possa raggiungere

: un incontro tra filosofie di cucina, ma anche tra uomini capaci di esprimere il proprio carattere attraverso l’arte. Una congiunzione astrale che sarebbe bello vedersi ripetere, magari in Spagna, cercando di

ripetere il meraviglioso sogno di inseguire la luce di una cometa

che resta

meravigliosa ed irripetibile proprio perché così effimera

.


 


Di

Indira Fassioni 


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali