FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Latina, ritrova il cane sparito otto anni fa: lacrime di gioia nel momento del ricongiungimento

A restituire il chihuahua alla sua padrona ci hanno pensato le guardie zoofile ambientali Norsaa. Indagini in corso per ricostruire lʼaccaduto

Incredulità e gioia sono il mix esplosivo delle lacrime che a fiotti rigano il volto della padrona che dopo 8 anni riabbraccia il suo chihuahua. Protagoniste di questa storia da Libro Cuore sono Silvia e il cane Maya. Tutto inizia nel 2011, quando il cucciolo scompare da casa. "E' scappato? E' stato portato via? E' svanito nel nulla": passano otto anni di silenzio e speranza finché Maya non viene restituita alla sua padrona. Tutto è stato possibile grazie alle guardie zoofile ambientali Norsaa di Latina. Il cane era stato trovato vagante e il microchip ha permesso di riportarlo a casa. Un momento commovente quello del riconoscimento che sfocia in un pianto liberatorio.

Le lacrime di gioia della padrona che riabbraccia il suo cane sparito otto anni fa

Dopo la sparizione di Maya, la sua padrona ha provato a cercarla ovunque. Ma non le restava che fare denuncia di smarrimento e sperare. Per otto lunghi anni di Maya nessuna traccia, finché ai primi di agosto Silvia riceve una telefonata dalle guardie zoofile ambientali. Un cane rinvenuto vagante è di sua proprietà.

"Silvia è incredula, la sua Maya è ancora viva e sta per tornare da lei", si legge nel post su Facebook del Norsaa di Latina che, con foto, testimonia il momento di ricongiungimento tra le due.

Grazie al microchip si è arrivati a Silvia, il legittimo proprietario, "anche se - raccontano gli operatori - non è stato facile contattarla, perché il numero fornito anni fa al momento dell'iscrizione in anagrafe canina non era più attivo". 

Un lieto fine che non spazza via il mistero intorno a ciò che è stato di Maya per otto anni. Indagini sono in corso per ricostruire tutta la storia. "Di certo, c'è stata un'appropriazione indebita - spiegano le guardie zoofile, - dal momento che il cane era regolarmente censito con microchip all'Anagrafe Canina della Regione Lazio".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali