FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il panda non è più un animale a rischio di estinzione: fondamentale la mobilitazione per la sua salvaguardia

Il numero degli esemplari è raddoppiato in ventʼanni: lʼUnione mondiale per la Conservazione della Natura ha dunque declassato il mammifero da "in pericolo" a "vulnerabile"

Il panda non è più considerato un animale a rischio di estinzione: l'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) ha deciso di non ritenere più l'animale "in pericolo", ma "vulnerabile". Tutto ciò è avvenuto grazie alla mobilitazione mondiale per la sua salvaguardia: secondo le autorità della Cina, gli sforzi compiuti nel corso degli anni nel Paese asiatico - volte a proteggere sia l'animale sia il suo habitat naturale - hanno avuto successo grazie alle numerose iniziative (anche popolari) che hanno ricordato il rischio di scomparsa dell'animale.


Il numero degli esemplari è cresciuto costantemente negli ultimi vent'anni: da mille panda nel 1995 a quasi duemila nel 2013. Questi dati sono emersi dal quarto censimento realizzato in Cina, che ha anche sottolineato come vi siano altri 375 esemplari in zoo e allevamenti in tutto il mondo. E proprio qualche giorno fa, in Belgio, è nato un cucciolo di panda. La IUCN, organizzazione non governativa con sede in Svizzera, ha dunque declassato il mammifero dagli animali a maggiore rischio di estinzione, seppur considerandolo ancora "vulnerabile": servono quindi ulteriori sforzi a sostegno del panda.

Il salvataggio di tali mammiferi è decisamete complesso, poichè il loro ritmo di riproduzione è molto basso. In ogni caso, in Cina - dove l'animale è quasi un "orgoglio nazionale" - la loro salvaguardia è di primaria importanza: sono stati infatti uno strumento politico, simbolo del disgelo tra Pechino e USA quando nel 1972 furono inviati nello zoo di Washington i due panda Ling-Ling e Hsing-Hsing.

La fine del rischio di estinzione per il panda dimostra come le iniziative popolari e non - qualora sentite e ben coordinate - possono avere delle conseguenze fortemente positive: la speranza è che gli stessi sforzi impiegati nella salvaguardia del panda siano utilizzati anche per altri animali, tra i quali il gorilla, il rinoceronte, l'opossum, l'orso polare e bruno, il lupo e il rinoceronte.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali