FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coldiretti: "Puglia invasa da pappagalli verdi, danni alle coltivazioni" | "Effetto della tropicalizzazione del clima"

Negli ultimi anni si sono moltiplicate le segnalazioni degli agricoltori. Il caldo anomalo degli ultimi anni ha fatto convertire la specie protetta da migratoria a stanziale

Con la "tropicalizzazione del clima", negli ultimi anni la Puglia sta assistendo inerme a una "invasione di pappagalli verdi", sempre più diffusi nelle campagne e in città. La denuncia arriva dalla Coldiretti regionale che, attraverso le parole del presidente Savino Muraglia, lancia l'allarme: "Si sono moltiplicate le segnalazioni degli agricoltori", colpiti dai danni e dai "suoni acuti persistenti" di questi animali.

Il primo insediamento, sottolinea la Coldiretti Puglia, si è registrato a Molfetta. I pappagalli verdi hanno poi preso possesso di città e campagne a Bisceglie, Giovinazzo, Palese, Santo Spirito, Bitonto, Bitetto, Palo del Colle, Binetto, Grumo Appula, fino a spingersi sull'Alta Murgia.

I parrocchetti monaci - In particolare si tratta dei "parrocchetti monaci" della specie "Myiopsitta Bonaparte", apparsi per la prima volta su un eucalipto della contrada Madonna delle Rose di Molfetta; poi si sono stabiliti costruendo nidi "multifamiliari". Sono considerati molto socievoli e infatti tendono a creare gruppi stabili e numerosi con cui si muovono alla ricerca di cibo. Si nutrono, spiega Muraglia, "di frutta, con una predilezione per le mandorle, dimostrando una straordinaria abilità nel beccare e rompere il guscio, estraendo il frutto e lasciando il mallo attaccato all'albero". Nella zona la specie sta diventando sempre più invasiva con danni ingenti per le coltivazioni.

Agricoltori in difficoltà - Coldiretti sottolinea che i pappagalli "fanno il paio con gli storni che colpiscono particolarmente il settore olivicolo, con un danno fra il 30% e oltre il 60% soprattutto nelle zone a ridosso del mare, Adriatico e Jonio, dove gli agricoltori non hanno strumenti per arginare la presenza eccessiva e sono in progressivo aumento degli storni divenuti stanziali. Il caldo anomalo degli ultimi anni ha fatto convertire la specie protetta da migratoria a stanziale. Si sta sottovalutando un problema che per alcune aree è veramente grave e ingestibile".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali