FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Montegridolfo, comʼè bello il panorama visto dallʼalto

Un borgo inedito dalla quiete elegante tra paesaggi idilliaci, buona cucina e itinerari per gli appassionati di storia

Montegridolfo, com'è bello il panorama visto dall'alto

C'era una volta un Castello malatestiano, al confine tra Romagna e Marche, ricco di storia e meraviglie da scoprire: il suo nome è Montegridolfo, oggi uno dei borghi più belli d'Italia e un affascinante giardino sulle verdi colline della Valconca, in provincia di Rimini. E' il rifugio ideale per una fuga romantica e per un weekend d'autunno tra passeggiate e natura inesplorata tutta da respirare.

Montegridolfo, com'è bello il panorama visto dall'alto

Innanzitutto, un po' di storia. Il toponimo del castello trae origine dall'antica famiglia riminese dei Gridolfi che, a partire dal XIII secolo, si stabilì sulle colline tra la Romagna e le Marche. Come altre nobili famiglie guelfe cittadine, in età comunale i Gridolfi si schierarono dalla parte della Chiesa, così che secondo alcuni storici Monte Gridolfo sarebbe la trasformazione dell'originario nome del luogo, Monte Guelfo, oppure di Monte Loro, monte dell'alloro.
Ma a Montegridolfo si racconta un'altra Storia, più recente e documentata nel Museo della Linea dei Goti, una linea di difesa tra l'Adriatico e il Tirreno chiamata così da Hitler durante la seconda Guerra Mondiale. Nel Museo sono esposti armi, manifesti, locandine e giornali di guerra risalenti alle date cruciali del 1943-45. Alla raccolta dei cimeli ha collaborato tutta la popolazione della zona che ha donato armi, bossoli, bombe a mano, maschere antigas e accessori personali dei soldati.

Oltrepassata la torre d'ingresso ci si sente catapultati in una dimensione magica. L'impianto urbanistico è rimasto quello medievale e all'interno delle mura fiancheggiate da torrioni è infatti possibile passeggiare tra stradine strette e acciottolate che regalano scorci sul mare in lontananza che fa capolino tra le morbide colline. Ai piedi delle mura castellane sorge la piccola chiesa di S. Rocco, protettore dei mendicanti e dei viaggiatori, costruita nel 1427 e dotata di un portale a ogiva di ispirazione gotica. Denominata anche chiesa dell'ospitale, oggi custodisce una splendida tela di Guido Cagnacci, il maestro riminese della seduzione e uno dei protagonisti della pittura del Seicento.

Di rilevante importanza è il campanile che costituiva, fin dalle origini, sia la porta d'ingresso al borgo sia la fortezza per le guardie, a cui era unito un ponte levatoio. Anche se Montegridolfo dista 40 chilometri da Rimini, sfiora le Marche come se stesse per baciarle: a soli 20 chilometri si trova Urbino, la Repubblica di San Marino a 35 chilometri e Gradara, con la famosa Rocca di Paolo e Francesca, invece, è solamente a un quarto d'ora di macchina.

Montegridolfo, oltre a essere un borgo medievale, è anche un albergo diffuso, un nuovo modo di abitare in grado di offrire un servizio alberghiero completo che unisce ai servizi centralizzati di un vero e proprio hotel il fascino di soggiornare in piccole unità abitative dislocate per il Borgo. All'interno delle mura, infatti, troviamo Relais Palazzo Viviani ( www.palazzoviviani.com), il corpo centrale del complesso e l'unica dimora patrizia del borgo, fatta erigere dal Conte Viviani di Urbino nei primi anni del 1800 e oggi meta accogliente per chi desidera vivere un weekend romantico o un'incantevole vacanza a misura di famiglia. Sono disponibili cinquantatre camere, tra cui le sette camere situate nella Casa del Pittore, una residenza separata dotata di una tranquilla piscina con vista mozzafiato, oltre a una spa con un'ampia offerta di massaggi e trattamenti. Inoltre, è presente un centro congressi per eventi e riunioni che ospita fino a 400 partecipanti.

La vita nel borgo è scandita da una vasta gamma di scelte culinarie. I due ristoranti - Il Ristoro, all'interno di Palazzo Viviani, l'Osteria dell'Accademia - e la Pizzeria fresca fresca di apertura sono aperti al pubblico e guidati con sicurezza dallo chef milanese Juri Bellani che propone menu sempre innovativi, ma basati sui sapori genuini della tradizione romagnola.


Per maggiori informazioni consultare il sito Internet, www.montegridolfo.eu

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali