In Camargue, tra fenicotteri e cavalli