FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pokemon Go, italiani catturati dallʼapp dei mostricciatoli giapponesi: al debutto è già boom

Il videogioco firmato Nintendo, che consente di dare la caccia a Pikachu & Co. nellʼambiente che ci circonda, è già su tutti gli smartphone. Ma il Telefono Azzurro mette in guardia

Pokemon Go, italiani catturati dall'app dei mostricciatoli giapponesi: al debutto è già boom

Nel resto del mondo la Pokemon Go-mania è già dilagata, ora è il turno dell'Italia. Dal 15 luglio infatti, è possibile scaricare il gioco firmato Nintendo che consente di catturare con lo smartphone, in qualsiasi luogo, in casa, in ufficio, per strada, i mostriciattoli virtuali del cartoon anni '90 grazie a un sistema di Gps e di realtà aumentata. Su Apple store Pokemon Go è in testa alle classifiche delle applicazioni gratuite più scaricate del momento. Ma Telefono Azzurro denuncia i rischi per i minori.

Come funziona - Per giocare basta scaricare l'applicazione e registrarsi con un account di Google o con Pokemon Trainer Club. L'obiettivo del gioco è acciuffare nell'ambiente che ci circonda le creature virtuali disponibili e ottenere il maggior numero di medaglie, variabili in base alla tipologia di Pokemon catturati.

Scovare un Pokemon non è così difficile: bisogna lanciargli contro una sfera Pokeball che permette di imprigionarlo.

Per avere la possibilità di trovarsi di fronte a diversi Pokemon, è sufficiente utilizzare l'applicazione in orari e in luoghi differenti. Per esempio, vicino all'acqua, compariranno con tutta probabilità creature marine; durante la sera, invece, appariranno Pokemon diversi da quelli del giorno.

In Italia è già Pokemon Go mania

A una settimana dal debutto negli Stati Uniti, sbarca in Italia l'app del videogioco per smartphone che consente di catturare i Pokemon grazie a un sistema di Gps e di realtà aumentata

leggi tutto


Il titolo di Nintendo vola in borsa - In America l'app è più utilizzata di Facebook, Snapchat e Whatsapp. Numeri altissimi che stanno facendo la fortuna degli azionisti Nintendo: dal lancio avvenuto la scorsa settimana negli Stati Uniti, il titolo ha messo a segno un balzo di oltre il 90 per cento, aumentando la capitalizzazione di oltre 10 miliardi di dollari.

I pericoli - Il Telefono Azzurro sottolinea i rischi soprattutto per gli adolescenti: "La realtà aumentata e la geolocalizzazione, che costituiscono i principi fondamentali del gioco, espongono i giocatori più piccoli a diversi pericoli. Primo tra tutti l'adescamento di minori da parte di adulti malintenzionati".

L'associazione che difende i diritti dei minori conclude: "Questo perchè l'applicazione coniuga le basi del videogioco con il mondo reale. per catturare i Pokemon occorre spostarsi fisicamente nello spazio. Episodi come quello del Missouri, dove tramite l'app quattro rapinatori armati hanno attirato e derubato 11 adolescenti, non devono più accadere".

La Pokemon mania sembra irrefrenabile su tutti i campi. La piattaforma musicale Spotify ha rivelato che gli ascolti della sigla dei Pokemon "Gotta catch'em all" sono aumentati del 362 per cento a livello globale, nella settimana di lancio.

Il successo di questo videogioco per smartphone sembra stia convincendo anche qualcun altro a "sbarcare" nella realtà aumentata: Game of Thrones, come riporta l'account Twitter della celebre serie televisiva.
Ma siamo sicuri che riuscirebbe a superare la Pokemon Go mania?

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali