FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Pokemon Go", la condanna dellʼassistente dellʼimam di Al Azhar: "Proibito dallʼIslam, è come lʼalcol"

Abbas Shouman, esponente della massima autorità islamica sunnita in Egitto, punta il dito contro lʼapp che sta spopolando

"Pokemon Go", la condanna dell'assistente dell'imam di Al Azhar: "Proibito dall'Islam, è come l'alcol"

"L'app "Pokemon Go" è proibita dall'Islam, è come l'alcol". Ad affermarlo è Abbas Shouman, vicecapo e assistente dell'imam di Al Azhar, la massima autorità islamica sunnita in Egitto. Da una frangia del mondo islamico arriva quindi una dura condanna all'applicazione che sta spopolando in tutto il mondo, rilanciando il celebre marchio dei primi anni Duemila.

Secondo Abbas Shouman infatti il videogioco "influenza la mente in modo negativo e fa male al giocatore e agli altri senza che ne ve sia consapevolezza". L'applicazione al momento non è disponibile per il mercato egiziano, ma molti giovani sarebbero comunque riusciti a procurarsi il gioco sui propri smartphone.

Per il religioso di Al Azhar la tecnologia dovrebbe essere utilizzata solo per permettere all'uomo di risparmiare tempo e fatica, non per semplice diletto, con il rischio di trasformare così il telefono cellulare in una "ossessione", distogliendo le persone dalla preghiera.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali